“L’uomo di paglia” e altre cose che succedono giovedì 6 dicembre

L'uomo di paglia

Considerato uno dei più grandi autori della commedia francese, genio teatrale dell’intreccio, dell’equivoco, del travestimento, degli scambi di persona, Georges Feydeau ha composto oltre 50 testi, fra commedie e vaudeville.
Dal 6 al 15 dicembre (ad eccezione del 10) al Teatro Due di Parma va in scena una piccola “soirée Feydeau” imperniata sul breve atto unico, composto tra il 1884 e il 1885 (quando l’autore aveva 22 anni) L’uomo di paglia; quasi in forma di preludio al ritmo da operetta offenbachiana creato dall’autore, tre monologhi: Agli antipodi, Patta all’aria e Un signore che non ama i monologhi, composti fra il 1881 e il 1883, avvieranno il clima rocambolesco e parossistico dell’atto unico.
Henry Gidel – biografo di Feydeau – sostiene che questo testo, mai pubblicato, costituisca un’anticipazione del Teatro dell’Assurdo, ragione stilistica che all’epoca ne ha inibito la rappresentazione sulle scene francesi.

 


 

Il Teatro Celebrazioni di Bologna giovedì 6 dicembre ospita Peter Bence, giovane pianista, compositore e produttore ungherese. Bambino prodigio, comincia a suonare il pianoforte a due anni, avviandosi a studi classici. Il suo punto di forza? Abbatte le barriere tra la musica classica e quella pop, grazie ad uno stile espressivo e moderno.


 
 

Alessandro Bergonzoni e altre cose che succedono venerdì 23 novembre

alessandro bergonzoni

Un altro spettacolo fenomenale di e con Alessandro Bergonzoni, da venerdì 23 fino a domenica 25 novembre al Teatro Due di Parma. Trascendi e sali va verso strade sempre più intricate e necessarie. Uno spettacolo dove il disvelamento segue e anticipa la sparizione, dove la comicità non segue obbligatoriamente un ritmo costante e dove a volte le radici artistiche vengono mostrate per essere subito sotterrate di nuovo.


Animali da bar

Un vecchio malato, misantropo e razzista, una donna ucraina dal passato difficile, un imprenditore ipocondriaco, un buddista inetto che a casa subisce violenze domestiche dalla moglie, uno zoppo bipolare, uno scrittore alcolizzato: sei strani personaggi, sei animali notturni, illusi e perdenti, aggrappati ad inutili speranze. Si apre venerdì 23 novembre con Animali da bar della compagnia Carrozzeria Orfeo la stagione di teatro contemporaneo del Teatro De André di Casalgrande (RE), organizzata dall’Associazione Quinta Parete. (foto di Laila Pozzo)


È uscito il nuovo numero di TIPO, l’85

È uscito TIPO 85.
Parliamo di Afghanistan, Any Other, Charlotte Gainsbourg, Notte di Luce, Passatelli in Bronson, Dall’Espressionismo alla Nuova Oggettività e di altri 300 eventi tra il 23 novembre 2018 e il 6 gennaio 2019 nella metropoli Emilia.

Trovate TIPO 85 nel mondo reale a Reggio Emilia, Parma e Modena ma potete anche sfogliarlo qui:

Oppure scaricarlo in pdf
https://bit.ly/2OTSHHv

Barezzi Festival e altre cose che succedono mercoledì 21 novembre

anna calvi

«Le mie notti sono più belle dei vostri giorni» diceva la Marceau. E voi, non vorrete essere da meno della bella del Tempo delle Mele? Per sfidare le brume novembrine potreste allora imbarcarvi sull’astronave del Barezzi Festival. Dopo le anteprime delle scorse settimane, mercoledì 21 novembre si parte dal Teatro Regio di Parma con il glamour dark di Anna Calvi (foto) alle 20.30 e, negli spazi del Ridotto, Joan Thiele in apertura alle 18.30 e Maria Antonietta a seguire alle 23. Si prosegue – sempre al Regio – con il magistero di Paolo Conte (giovedì 22 novembre), il raffinato pop degli irlandesi Villagers (giovedì 22 novembre), l’ambient di Nils Frahm (venerdì 23 novembre), il minimalismo di Dardust (venerdì 23 novembre) e poi John De Leo (22 novembre), Veyl (23 novembre). Gran finale nella Sala Ipogea dell’auditorium Paganini sabato 24 novembre: si fa tardi con Lorenzo Senni, Nu Guinea (dj set + live keys) e i dj set di Mount Kimbie e Lucy. Per una volta avere le occhiaie sarà un piacere… N’est-il pas vrai, Sophie? (a.z.)


 

Christophe Desjardins e altre cose che succedono venerdì 16 novembre

christophe desjardins

Ultimo appuntamento della rassegna Traiettorie 2018 – XXVIII Rassegna Internazionale di Musica Moderna e Contemporanea, presso la Casa della Musica a Parma. Sul palco Christophe Desjardins e la sua viola ci portano a scoprire alcuni importanti e non sempre purtroppo famosi autori di musica contemporanea del secolo scorso, quali Jonathan Harvey (1939-2012), Emmanuel Nunes (1941-2012), Bernd Alois Zimmermann (1918-1970), Alberto Posadas (1967), Marco Stroppa (1959) e il celebre, lui sì, Pierre Boulez (1925-2016).


 
 

Parma Film Festival e altre cose che succedono lunedì 12 novembre

Parma Film Festival

Prende il via lunedì 12 novembre, per proseguire fino a sabato 17, Parma Film Festival – Invenzioni dal vero, nuova incarnazione del Parma Film Festival, giunto quest’anno alla 21°edizione.
Il festival guarda al cinema affermato e a quello emergente, ai giovani spettatori, agli appassionati e agli studiosi. In programma un concorso per progetti audiovisivi – documentari, animazione o fiction – riservati agli studenti di corsi realizzati all’interno delle università italiane; proiezioni per le scuole medie e superiori alla scoperta di un cinema che sa raccontare la realtà, ma anche reinventarla; tavole rotonde, masterclass universitarie, mostre, proiezioni accompagnate dagli autori. 
Tra gli appuntamenti di lunedì 12 novembre, la proiezione delle opere in concorso dalle 16 al Cinema Edison, alle 18 alla Libreria Feltrinelli la presentazione di “Ogni ricordo un fiore” di Luigi Lo Cascio alla presenza dell’autore, alle 21 al Cinema Astra la proiezione, alla presenza del regista, di “Menocchio” di Alberto Fasulo.


 
 

“Lungs” e altre cose che succedono venerdì 2 novembre

Lungs

Lungs è una pièce di Duncan Macmillan, con Sara Putignano e Davide Gagliardini, che va in scena al Teatro Due di Parma da venerdì 2 a sabato 10 novembre (tranne il 5). Attraverso una successione vertiginosa di dialoghi, Macmillan ci conduce lungo le stazioni di una relazione amorosa che diventa una finestra sulla contemporaneità. Il palcoscenico spoglio permette alla macchina scenica continui salti nello spazio e nel tempo, e consegna al pubblico la nuda dinamica del discorso amoroso.


 
 

Killing Joke e altre cose che succedono giovedì 25 ottobre

Killing Joke

Giovedì 25 ottobre unica data italiana dei Killing Joke, in concerto al Campus Industry di Parma, nel tour che festeggia i 40 anni di carriera. Punto di incontro evoluto e sperimentale fra il post-punk e l’heavy metal, la band guidata dall’istrionico Jaz Coleman non molla un centimetro di palco, riproponendo quello stile che ha influenzato e ispirato molti artisti rock come Nirvana, Tool, Metallica.


 
 

I ribelli del ’68 e altre cose che succedono lunedì 22 ottobre

I ribelli del '68

In occasione delle celebrazioni dei cinquant’anni della Primavera di Praga, lo scorso 15 ottobre al Cinema Astra di Parma è partita la rassegna I ribelli del ’68, dedicata alla “nuova onda” del cinema cecoslovacco, cinema spesso denso e sorprendente. Lunedì 22 ottobre alle 19 possiamo vedere Cronaca morava, di Vojtěch Jasny, premio miglior regia a Cannes nel 1969, per anni vietato dalla censura. Alle 21, invece, verrà proiettato Adelheid, di František Vlačil, film che descrive l’incontro tra un ceco e la figlia di un nazista nel primo dopoguerra in Cecoslovacchia. La rassegna prosegue fino al 5 novembre. I film sono proiettati in versione originale con sottotitoli in italiano.


 
 

Paul Venturi & Simone Scifoni e altre cose che succedono lunedì 15 ottobre

Paul Venturi & Simone Scifoni

Lunedì 15 ottobre al Circolo Arci Zu (ex Zerbini) di Parma, interessante esibizione di due apprezzati bluesman italiani, Paul Venturi & Simone Scifoni. La Two Man Band, come gli stessi Venturi/Scifoni amano definirla, ha rappresentato l’Italia all’International Blues Challenge di Memphis e presenta il nuovo lavoro, “Prescription For The Blues”.