Erik Kessels
Mostre

Le mostre da vedere

“Fronte e retro”, la personale di Italo Zuffi al MAMbo e a Palazzo De’ Toschi, a Bologna, e le altre mostre da vedere in Emilia-Romagna e dintorni


Pittura, scultura, fotografia, architettura, grafica, design. La nostra guida aggiornata alle mostre da vedere in programma a Reggio Emilia, Parma, Modena, Bologna, in Romagna, a Milano, Torino e in Toscana.



dal 29 aprile al 12 giugno 2022
Fotografia Europea. Un’invincibile estate
Reggio Emilia, luoghi vari
Il festival Fotografia Europea, quest’anno alla XVII edizione, propone 22 mostre in dieci spazi espositivi della città. La sede che ospita il maggior numero di mostre, dieci, è come sempre quella dei Chiostri di San Pietro con i progetti di Nicola Lo Calzo, Hoda Afshar, Carmen Winant, Seiichi Furuya, Ken Grant, Guanyu Xu, Chloé Jafé, Jonas Bendiksen, Alexis Cordesse e la mostra dedicata a Mary Ellen Mark. Nella sede di Palazzo da Mosto trovano spazio gli scatti della nuova produzione di Fotografia Europea, affidata a Jitka Hanzlovà. I progetti dei vincitori della Open Call di questa edizione (Simona Ghizzoni, Gloria Oyarzabal, Maxime Richè) saranno visibili nel nuovo spazio di Fotografia Europea: la Galleria Santa Maria. Nel trentennale della scomparsa di Luigi Ghirri, Palazzo dei Musei ospita la mostra “In scala diversa. Luigi Ghirri, Italia in miniatura e nuove prospettive”. Sempre a Palazzo dei Musei è allestito il progetto di Alessandra Calò mentre lo Spazio Gerra accoglie quello di Maria Clara Macrì. La Biblioteca Panizzi presenta la mostra “Vasco Ascolini: un’autobiografia per immagini” mentre la Collezione Maramotti dedica la sua mostra al fotografo Carlo Valsecchi e la Fondazione I Teatri, in una Sala Verdi recentemente ristrutturata, propone gli scatti di Arianna Arcara. Infine, alla Biblioteca delle Arti saranno esposti i lavori realizzati nell’ambito di Speciale Diciottoventicinque.

dal 22 aprile al 22 maggio 2022
Catalina Isabel Nucera. The Village
Guastalla (RE), Torre Civica
Nucera presenta il suo progetto fotografico su un villaggio circondato da boschi nell’estremo sud della Bielorussia. Proprio vicino alla frontiera ucraina, dritto nel cuore della “zona d’esclusione” che circonda Chernobyl. Luoghi fantasma, fantasmi ancora, purtroppo, estremamente attuali. La mostra è aperta nei fine settimana. Inaugurazione il 22 aprile con l’artista e l’esibizione della Reading band Sottovoce.

dal 23 aprile al 31 ottobre 2022
Un tocco di classe. L’occupazione delle Reggiane 1950-51
Reggio Emilia, Capannone 18
Negli spazi esterni del Capannone 18 del Parco Innovazione, l’ex fabbrica trasformata in Hub contemporaneo, una mostra ideata e prodotta dalla CGIL di Reggio Emilia ripercorre – attraverso un centinaio di fotografie dell’epoca, materiale documentale e 17 podcast – la vicenda delle Officine Reggiane tra il 1950 e il 1951. La più lunga occupazione mai avvenuta in Italia, un caso di assoluta rilevanza politico-sociale che lega la storia locale alla “grande storia” nazionale e internazionale. In occasione dell’inaugurazione del 23 aprile, live performance di Max Collini e Jukka Reverberi.

dal 28 aprile al 12 giugno 2022
FOTO_GRAFICA: i protagonisti della mec-art
Reggio Emilia, VV8artecontemporanea
All’interno del circuito Off di Fotografia Europea, VV8artecontemporanea presenta una selezione di opere di Gianni Bertini, Bruno Di Bello, Elio Mariani, Mimmo Rotella e Aldo Tagliaferro, realizzate con differenti tecniche. La mostra pone l’attenzione sulla ricerca visiva e sociologica della comunicazione contemporanea, dove l’arte, nel pieno della sua riproducibilità tecnica, diviene democratica, di massa, e dove le relazioni tra pittura e fotografia intraprendono nuovi percorsi di carattere sperimentale.

dal 1 maggio al 31 luglio 2022
Carlo Valsecchi. Bellum
Reggio Emilia, Collezione Maramotti
In occasione di Fotografia Europea, Collezione Maramotti presenta un nuovo progetto artistico commissionato a Carlo Valsecchi che origina da un’esplorazione dei territori e delle costruzioni fortificate del nord-est italiano legati al primo conflitto mondiale. Le 44 fotografie di grande formato che costituiscono “Bellum” raccontano il conflitto ancestrale tra uomo e natura e tra uomo e uomo; l’uso della natura come difesa dall’altro uomo e parimenti la difesa dell’uomo dalla natura.

dal 20 al 29 maggio 2022
Michele Davoli. L’essenza dei volti
Reggio Emilia, Ateliers Via Due Gobbi Tre
Dall’osservazione di fotografie che ritraggono figure della propria cerchia familiare e amicale, attraverso un tormentato processo pittorico, Michele Davoli ne stravolge le fattezze originarie, ne altera i connotati reali, rivelando un nucleo di alienazione, inquietudine e precarietà. In questa astrazione i visi assurgono a immagine universale dell’esistenza umana, rappresentata nei suoi aspetti più angoscianti. Nel segno traspare tensione, una ribellione del gesto che si attiene alla grande tradizione pittorica, in cui la figura umana assume una posizione centrale per simboleggiare un dolore cosmico.

fino al 31 luglio 2022
TARWUK. Ante mare et terras
Reggio Emilia, Collezione Maramotti
Prima mostra personale in Italia di TARWUK (Bruno Pogačnik Tremow e Ivana Vukšić, artisti croati con base a New York), ed è costituita da quattro sculture di grandi dimensioni e da una serie di disegni presentati tra la Pattern Room e una lunga parete all’ingresso della Collezione Maramotti.


Fotografia Europea 2022



dal 13 al 29 maggio 2022
Lucamaleonte. Ventuno idee per una propaganda fallimentare
Parma, BDC28
In occasione della sua prima personale a Parma, a cura di Jacopo Costa, Lucamaleonte presenta ventuno opere inedite. Dopo anni in cui il nero aveva abbandonato la sua palette, il muralista propone al pubblico un gruppo di lavori in cui il “non colore”, l’assenza di luce, torna con preponderanza.

fino al 31 luglio 2022
I Farnese. Architettura, Arte, Potere
Parma, Complesso Monumentale della Pilotta
A venticinque anni dall’ultima esposizione sul tema, il Complesso della Pilotta ospiterà una grande mostra dedicata alla committenza e al mecenatismo della famiglia Farnese, con oltre 300 opere provenienti da collezioni pubbliche e private, italiane ed europee insieme a opere della Collezione Farnese a Parma.

fino al 31 luglio 2022
Lucio Fontana. Autoritratto
Mamiano di Traversetolo (PR), Fondazione Magnani Rocca
Lucio Fontana è stato un pioniere, uno sperimentatore totale, figura carismatica radicale e dirompente, costante punto di riferimento per gli artisti delle generazioni successive. In mostra 50 opere del maestro dello spazialismo per raccontare tutta la sua avventura artistica. Dai lavori in gesso, ceramica e terracotta del primo periodo, ai rivoluzionari lavori con i “Buchi” che perforano la tela, per arrivare ai famosi “Tagli”.


Fotografia Europea 2022



dal 8 giugno al 18 settembre 2022
Candice Breitz. Never Ending Stories
Modena, FMAV – Palazzina dei Giardini
Nata nel 1972 a Johannesburg e oggi residente a Berlino, Candice Breitz, artista tra le più note a livello internazionale, ha esposto le sue video installazioni in mostre personali e collettive nei musei di tutto il mondo, partecipando alle biennali più prestigiose (nel 2017 ha rappresentato il Sudafrica alla 57. Biennale di Venezia). A cura di Daniele De Luigi, l’esposizione presenta tre importanti installazioni di grandi dimensioni di Breitz, “Love Story” (2016), “Digest” (2020) e “Labour” (2020, ancora in corso), riflettendo sul ruolo cruciale che lo storytelling gioca nella costruzione della realtà vissuta e offrendo la possibilità di realtà future alternative.





fino al 28 agosto 2022
The MAST Collection. Un alfabeto visivo dell’industria, del lavoro e della tecnologia
Bologna, MAST
Curata da Urs Stahel, è la prima esposizione di opere selezionate dalla collezione della Fondazione: oltre 500 immagini tra fotografie, album, video di 200 grandi fotografi italiani e internazionali e artisti anonimi. Tra gli artisti in mostra: Paola Agosti, Richard Avedon, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Margaret Bourke White, Henri Cartier Bresson, Thomas Demand, Robert Doisneau, Walker Evans, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Mimmo Jodice, André Kertesz, Josef Koudelka, Dorotohea Lange, Erich Lessing, Herbert List, David Lynch, Don McCullin, Nino Migliori, Tina Modotti, Ugo Mulas, Vik Muniz, Walter Niedermayr, Helga Paris, Thomas Ruff, Sebastião Salgado, August Sanders, W. Eugene Smith, Edward Steichen, Thomas Struth, Carlo Valsecchi, Edward Weston.

dal 1 marzo al 16 ottobre 2022
Pier Paolo Pasolini. Folgorazioni figurative
Bologna, Sottopasso di Piazza Re Enzo
La mostra nei nuovi spazi espositivi del Sottopasso di Piazza Re Enzo, nell’ambito delle celebrazioni promosse dal Comune di Bologna per il centenario della nascita di Pasolini, segue la traccia che Bologna ha lasciato nella formazione di una delle anime più profetiche del nostro Novecento. Dalla nascita, il 5 marzo 1922, in via Borgonuovo, agli anni del liceo e dell’università, con un maestro come Roberto Longhi che plasmò lo sguardo di Pasolini e lo instradò verso una passione, quella per l’arte figurativa, che lo accompagnerà lungo tutto il suo poliedrico percorso creativo.

dal 4 marzo al 17 luglio 2022
Lucio Dalla. Anche se il tempo passa
Bologna, Museo Civico Archeologico
L’esposizione documenta l’intero percorso umano e artistico di uno dei più amati artisti italiani e internazionali. La mostra è il frutto di una lunga ricerca di materiali, molti dei quali esposti per la prima volta. Un percorso dal quale, partendo dall’infanzia, viene evidenziato come il rapporto con la musica di Lucio Dalla è sempre centrale ed è un elemento continuativo che lo seguirà per tutta la vita.

dal 12 al 29 maggio 2022
Italo Zuffi. Fronte e retro
Bologna, Palazzo De’ Toschi
La mostra, a cura di Lorenzo Balbi e Davide Ferri, si colloca in continuità temporale e concettuale con quella in corso al MAMbo fino al 15 maggio, a costituire un unico progetto articolato in due spazi. Se la prima parte getta uno sguardo retrospettivo sul lavoro di Zuffi, artista visivo tra i più importanti tra quelli nati alla fine degli anni Sessanta, a Palazzo De’ Toschi una serie di nuove produzioni tocca alcuni degli aspetti nodali della sua ricerca più recente. Alcune opere all’interno del percorso espositivo al MAMbo e a Palazzo De’ Toschi si completano attraverso performance che le attiveranno secondo un calendario di interventi aperti al pubblico dall’11 al 15 maggio.

dal 12 maggio al 18 settembre 2022
Jacopo Valentini. Concerning Dante – Autonomous Cell
Bologna, Museo Civico Medievale
Progetto fotografico di Valentini legato all’immaginario dantesco che ripercorre lungo l’Italia i viaggi reali compiuti dal poeta e quelli letterari attraverso il suo capolavoro, la Divina Commedia. La ricerca si snoda attorno a tre luoghi simbolici, che sono interpretati come i varchi che conducono rispettivamente a Inferno, Purgatorio e Paradiso.

dal 12 maggio al 25 settembre 2022
Davide D’Elia. FRESCO
Bologna, Museo Davia Bargellini
La prima mostra personale di Davide D’Elia a Bologna, a cura di Elisa Del Prete, è un intervento pensato in dialogo con la collezione del museo e i peculiari criteri museografici che ne dettano il percorso espositivo all’interno del palazzo seicentesco dove è situato, raro esempio di collezionismo privato cittadino. La mostra si compone di otto quadri in plexiglas del ciclo FRESCO realizzati nel corso di un precedente intervento site specific operato da D’Elia nel 2018 sugli affreschi del Salone delle Feste del Palazzo Atti-Pensi di Todi.

dal 12 maggio al 4 ottobre 2022
NO, NEON, NO CRY
Bologna, MAMbo – Project Room
Dopo un breve periodo di chiusura per lavori, la Project Room del MAMbo torna a giocare il suo ruolo di contenitore tematico che accoglie, ricostruisce, racconta e valorizza le esperienze artistiche del territorio bolognese ed emiliano-romagnolo. La mostra “NO, NEON, NO CRY”, a cura di Gino Gianuizzi, tenta una narrazione della complessa, sfaccettata, “disordinata” storia della galleria neon. Nata nel 1981 senza un programma, senza strategia, senza budget e senza obiettivi predeterminati, neon è stata un laboratorio permanente, una comunità per artisti, critici e curatori e un luogo di formazione per tutte le persone che vi hanno collaborato.


Fotografia Europea 2022



dal 26 marzo al 16 luglio 2022
Mirella Saluzzo. Fuori asse
Ravenna, Fondazione Sabe per l’arte
La Fondazione Sabe per l’arte presenta il suo secondo evento espositivo, la personale di Gabriella Benedini (Cremona, 1932) dal titolo “Un viaggio”, a cura di Francesco Tedeschi. La mostra riprende un filone del lavoro dell’artista incentrato su alcune opere realizzate tra il 2005 e il 2007 e reinterpretate per l’occasione con nuove integrazioni ed elaborazioni. Il focus centrale è dedicato a lavori che rimandano ai viaggi compiuti negli anni Settanta, in luoghi che hanno costituito per l’artista dei serbatoi di memorie e di emozioni, in particolare l’Iraq, l’Afghanistan e alcuni territori dell’Asia.



fino al 22 maggio 2022
Barbara Probst. Poesia e verità
Milano, Triennale
Prima mostra personale in una istituzione culturale italiana dell’artista tedesca, esposizione che propone un percorso attraverso immagini realizzate in momenti diversi della sua carriera. Una selezione di 24 opere, per un totale di 91 immagini, che includono ritratti, still life, fotografie di moda e di reportage, tra bianco e nero e colore.

fino al 12 giugno 2022
Raymond Depardon. La vita moderna
Milano, Triennale
Fondatore nel 1966 dell’Agenzia Gamma, dal 1979 membro della Magnum, Depardon (1942) è autore anche di 25 lungometraggi premiati nei festival internazionali. La mostra milanese ci porta dalle comunità rurali francesi alle periferie urbane di Glasgow, dagli ospedali psichiatrici italiani negli anni Settanta alla vita newyorchese del decennio successivo. Da vedere in coppia con l’allestimento dedicato al fenomenale illustratore Saul Steinberg che prosegue in Triennale fino al 1 maggio.

fino al 5 giugno 2022
Ferdinando Scianna. Viaggio Racconto Memoria
Milano, Palazzo Reale
Con oltre 200 fotografie in bianco e nero stampate in diversi formati, la rassegna attraversa l’intera carriera del grande fotografo siciliano e si sviluppa lungo un articolato percorso narrativo suddiviso in otto sezioni, dedicate ciascuna a capitoli diversi e con varie modalità di allestimento.

fino al 5 giugno 2022
Tiziano e l’immagine della donna nel Cinquecento Veneziano
Milano, Palazzo Reale
Palazzo Reale apre il 2022 con una grande mostra dedicata all’immagine della donna nel Cinquecento nella pittura del grande maestro Tiziano e dei suoi celebri contemporanei quali Giorgione, Lotto, Palma il Vecchio, Veronese e Tintoretto. Oltre un centinaio le opere esposte di cui 47 dipinti, 16 di Tiziano, molti dei quali in prestito dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, cui si aggiungono sculture, oggetti di arte applicata come gioielli, una creazione omaggio di Roberto Capucci a Isabella d’Este (1994), libri e grafica.

fino al 26 giugno 2022
Joaquin Sorolla. Pittore di luce
Milano, Palazzo Reale
Joaquín Sorolla y Bastida è stato uno dei massimi rappresentanti della moderna pittura iberica a cavallo tra Ottocento e Novecento, contribuendo in modo determinante al suo rinnovamento e aprendola al clima della Belle Époque. Per la prima volta in Italia un’esposizione monografica ripercorre la sua ricca e fortunata produzione artistica.

fino al 24 luglio 2022
Anicka Yi. Metaspore
Milano, Pirelli HangarBicocca
L’artista sud coreana Anicka Yi combina linguaggi e tematiche provenienti da ambiti differenti: dalla filosofia alla biologia, dalla politica alla fantascienza. Il percorso espositivo di “Metaspore” prevede oltre venti installazioni, creazioni multiformi che scardinano i confini tra scienza e arte, tra organico e sintetico, tra umano e non umano, indagando i concetti di metamorfosi, interdipendenza, ecosistema e simbiosi. La mostra stimola l’esperienza sensoriale e percettiva dei visitatori, attraverso odori, forme mutanti ed elementi biologici disorientanti.

fino al 31 luglio 2022
Steve McQueen. Sunshine State
Milano, Pirelli HangarBicocca
Steve McQueen, artista e film-maker vincitore del Turner Prize e del premio Oscar, è qui celebrato con alcuni dei suoi lavori più importanti e include una nuova installazione video, “Sunshine State”. Nella sua mente da più di vent’anni, l’opera è stata commissionata dall’International Film Festival Rotterdam (IFFR) 2022 e proposta in anteprima assoluta all’HangarBicocca.

fino al 22 agosto 2022
Elmgreen & Dragset. Useless Bodies?
Milano, Fondazione Prada
“Useless Bodies?” è una delle indagini tematiche più estese mai realizzate da Fondazione Prada ed esplora la condizione del corpo nell’era post-industriale, in cui la nostra presenza fisica sembra avere perso la sua centralità. La percezione del corpo è un tema fondamentale per il duo Elmgreen & Dragset e attraversa molti aspetti della loro pratica scultorea e performativa. Seguendo un percorso espositivo che da i due piani del Podium si sviluppa nella galleria Nord e nella Cisterna, il pubblico incontra una sequenza di installazioni immersive. La sede milanese di Fondazione Prada si trasforma quindi in una pluralità di universi identificati da atmosfere, estetiche e temi specifici.


Fotografia Europea 2022



dal 21 maggio al 12 giugno 2022
Photolux 2022. You can call it love
Lucca, luoghi vari
La nuova edizione della Biennale Internazionale di Fotografia di Lucca propone un ricco programma, composto da 20 mostre, con importanti nomi del panorama internazionale, da Seiichi Furuya a Erik Kessels, da Ferdinando Scianna a Robin Schwartz e Pixy Liao. Tra gli appuntamenti più attesi, “Brass Mon Amour”, l’esposizione che presenta 120 fotografie, insieme a documenti inediti, che raccontano il percorso cinematografico di Tinto Brass.



fino al 26 giugno 2022
Vivian Maier. Inedita
Torino, Musei Reali
L’esposizione presenta oltre 250 immagini, molte delle quali inedite o rare, come quelle a colori, oltre a video Super 8 e oggetti personali della fotografa americana. Una sezione è dedicata agli scatti, mai visti prima, realizzati durante il suo viaggio in Italia, in particolare a Torino e Genova.


Fotografia Europea 2022



dal 5 marzo al 5 giugno 2022
Elisabeth Hölzl, Gina Klaber Thusek. Eliografie, incomplete
Merano (BZ), Kunst Meran Merano Arte
La mostra mette in relazione le pratiche artistiche di Gina Klaber Thusek (1900–1983) e della fotografa Elisabeth Hölzl (1962). Il loro primo incontro risale al 1973 a Merano: all’epoca Thusek era un’artista ormai matura che aveva superato due guerre mondiali, sperimentato il confino a Merano e vissuto 16 anni da apolide, mentre Hölzl era ancora una bambina curiosa di sperimentare e apprendere dalla sua insegante di disegno. Benché le due artiste appartengano a generazioni diverse e siano state forgiate da circostanze di vita completamente differenti, sorprende la ricchezza di collegamenti tra le loro opere.

dal 15 maggio al 18 settembre 2022
Alex Katz. La vita dolce
Rovereto (TN), MART
Maestro della pittura contemporanea, Katz ha sperimentato diversi media: pittura, disegno, scultura e stampa. In mostra un selezionato corpus di dipinti ripercorre la lunga carriera dell’artista soffermandosi sui rapporti intrattenuti con l’Italia e con alcuni dei suoi più prestigiosi collezionisti.


immagine in evidenza: © Erik Kessels from the series In Almost every picture #16