True Fictions - Sandy Skloglund
Mostre

Le mostre da vedere

“True Fictions” a Palazzo Magnani e le altre mostre da vedere in Emilia-Romagna, a Milano, Torino, in Veneto e in Toscana


Pittura, scultura, fotografia, architettura, grafica, design. La nostra guida aggiornata alle mostre da vedere in programma a Reggio Emilia, Parma, Modena, Bologna, in Romagna ma anche a Milano, Torino, in Veneto e in Toscana.


Mostre a Reggio Emilia

dal 21 maggio al 6 dicembre 2020

Svenja Deininger

Svenja Deininger. Two Thoughts
Reggio Emilia, Collezione Maramotti
La Pattern Room raccoglie un ciclo di nuove opere pittoriche concepite dall’artista austriaca specificamente per questo progetto e in dialogo con quattro dipinti degli anni Venti dell’avanguardista polacco Władysław Strzemiński, in prestito dal Muzeum Sztuki di Łódź.
Scopri di più


dal 30 maggio 2020

Da Guercino a Boulanger. La Madonna di Reggio. Diffusione di un’immagine miracolosa
Reggio Emilia, Palazzo dei Musei


dal 6 giugno al 8 novembre 2020

Antonio Ligabue, Diligenza con Paesaggio e Villa Casanova Rambelli, 1953-54, olio su tavola di faesite, cm 68×95

Incompreso. La vita di Antonio Ligabue attraverso le sue opere
Gualtieri (RE), Palazzo Bentivoglio, Salone dei Giganti
Apre nuovamente al pubblico la mostra promossa dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue e dal Comune di Gualtieri. Il percorso della mostra, a cura di Sergio e Francesco Negri, comprende 22 dipinti, alcuni bronzi ed un calco in terracotta. Le opere, tutte provenienti da collezioni private, sono esposte in ordine cronologico, con suddivisione in periodi, per consentire al visitatore di osservare l’evoluzione dello stile, della tecnica, ma anche dei temi che cambiano con il passare del tempo.


dal 4 ottobre 2020 al 16 maggio 2021

Carlo Mollino, [Senza titolo], 1956-1962
Carlo Mollino, [Senza titolo], 1956-1962

Mollino / Insides
Reggio Emilia, Collezione Maramotti
Collezione Maramotti, in collaborazione con Museo Casa Mollino, presenta “Mollino/Insides”, un percorso di mostra con opere pittoriche di Enoc Perez e fotografie di Brigitte Schindler e di Carlo Mollino. Attraverso alcuni scorci dell’ultima enigmatica dimora di Mollino in via Napione a Torino – che ospita ora il Museo Casa Mollino – trasformata dall’interpretazione pittorica di Perez e dall’occhio fotografico di Schindler, si accede alle fotografie degli anni ’50 e ’60 delle modelle di Mollino, sfumate nell’essenza misteriosa dell’immaginario che abitano.



dal 9 al 25 ottobre 2020

Josè Demetrio Peña e Francesca Marchisio. HOME #weareallinfinite
Reggio Emilia, Bonioni Arte


dal 17 ottobre al 6 dicembre 2020

Guido Guidi, Cesena, 1968

Guido Guidi. Lunario
Rubiera (RE), L’Ospitale
“Lunario” di Guido Guidi è un viaggio fotografico lungo trent’anni sul tema della Luna, con il suo carico di significati filosofici, letterari e mitologici. Presso l’Ospitale di Rubiera, Linea di Confine presenta, arricchita da materiali inediti, la serie fotografica che compone il volume “Guido Guidi. Lunario 1968-1999” (Mack, Londra 2019), una delle edizioni più recenti della sistematica opera di pubblicazione dell’archivio che il fotografo porta avanti da da anni. In concomitanza con l’inaugurazione sarà presentata al pubblico la project room di Luca Nostri “Quattro Cortili”.

Luca Nostri. Quattro cortili
Rubiera (RE), L’Ospitale


dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021

Lori Nix, Library, 2007

True Fictions – Ai confini della realtà
Reggio Emilia, Palazzo Magnani
In autunno a Reggio Emilia tornano le mostre fotografiche con due produzioni di Fotografia Europea. Un’occasione per riprendere progetti, ricerche e relazioni nati durante la preparazione della XV edizione del festival, poi sospeso, e per accompagnare il pubblico all’edizione del 2021. “True Fictions” è la prima mostra retrospettiva mai realizzata in Italia sul fenomeno della staged photography, la tendenza che a partire dagli anni Ottanta ha rivoluzionato il linguaggio fotografico e la collocazione della fotografia nell’ambito delle arti contemporanee. La mostra presenta il lato più immaginifico della fotografia attraverso le invenzioni di alcuni tra i maggiori autori degli ultimi trent’anni e le sperimentazioni nate dall’avvento della tecnologia digitale.

Atlanti, ritratti e altre storie. 6 giovani fotografi europei
Reggio Emilia, Palazzo Da Mosto
La collettiva raccoglie le personali dei tre vincitori dell’open call lanciata da Fotografia Europea 2020, a cui si aggiungono altri tre progetti selezionati sempre dalla giuria composta da Walter Guadagnini, direttore artistico del Festival, Maria Pia Bernardoni, curatrice progetti internazionali del LagosPhoto festival e Oliva Maria Rubio, curatrice indipendente.


dal 28 novembre 2020 al 28 febbraio 2021

"Caleidoscopica", Olimpia Zagnoli in mostra a Reggio Emilia

Caleidoscopica. Il mondo illustrato di Olimpia Zagnoli
Reggio Emilia, Chiostri di San Pietro
Figure bidimensionali, immagini sinuose, illusioni ottiche, accostamenti a contrasto e tanti colori: un vero e proprio caleidoscopio. La Fondazione Palazzo Magnani presenta “Caleidoscopica. Il mondo illustrato di Olimpia Zagnoli”, a cura di Melania Gazzotti, in mostra negli spazi espositivi dei Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia.
Scopri di più



Mostre a Parma

dal 3 giugno 2020 al 14 febbraio 2021

Fornasetti Theatrum Mundi
Parma, Complesso Monumentale della Pilotta


dal 6 settembre al 18 ottobre 2020

Luca Vitone. Il Canone
Parma, Abbazia di Valserena
Dal 6 settembre al 18 ottobre 2020, lo CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma presenta il secondo appuntamento del programma di residenze d’artista “Through time: integrità e trasformazione dell’opera”, realizzato in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020, che vede la partecipazione di Massimo Bartolini, Luca Vitone ed Eva Marisaldi.


dal 12 settembre al 13 dicembre 2020

Giovan Battista Moroni, Il cavaliere in rosa, 1560, olio su tela 216 x 123 cm
Giovan Battista Moroni, Il cavaliere in rosa, 1560, olio su tela 216 x 123 cm

L’ultimo romantico. Luigi Magnani il signore della Villa dei Capolavori
Mamiano di Traversetolo (PR), Fondazione Magnani Rocca
Sabato 12 settembre 2020, dopo la sospensione per il contenimento della diffusione del Coronavirus, alla Fondazione Magnani-Rocca apre al pubblico la mostra “L’ultimo romantico”, un ricco omaggio espositivo al suo fondatore, Luigi Magnani, che trasformò la sua dimora a Mamiano di Traversetolo in una casa-museo sontuosa e sorprendente, la “Villa dei Capolavori”.
Scopri di più


dal 27 settembre al 1 novembre 2020

Perché era lui, perché ero io, Metamorfosi della città nello spazio del teatro A/R
Parma, Palazzo del Governatore
Protagonisti del racconto fotografico di Stoppini sono gli Attori dell’Ensemble Stabile Teatro Due e la relazione con la Città di Parma, in particolare con gli spazi da loro eletti “luoghi dell’anima”. Gli abitanti abituali dei luoghi cittadini scelti dagli attori, poi, sono stati invitati ad essere fotografati negli spazi del Teatro Due.


dal 7 novembre 2020 al 14 febbraio 2021

Design! Oggetti, processi, esperienze
Parma, Abbazia di Valserena
Apre al pubblico sabato 7 novembre a Parma, contemporaneamente in due sedi, l’Abbazia di Valserena e Palazzo Pigorini, la mostra Design! Oggetti, processi, esperienze a cura di Francesca Zanella, prodotta da CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma con il sostegno del Comune di Parma, in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21 e in collaborazione con GIA – Gruppo Imprese Artigiane Parma. Gli archivi dello CSAC dell’Università di Parma custodiscono un immenso patrimonio di conoscenze sviluppate dalle generazioni di designer che hanno definito la cultura del progetto italiano nel Novecento. Tali conoscenze consentono di raccontare, attraverso una selezione di progetti emblematici, i temi centrali del design. La mostra, articolata in due sezioni, traccia un percorso in cui il designer, nelle sue tante vesti di bricoleur, artigiano, antropologo, filosofo, scienziato, tecnologo, riflette sui temi del progetto e della produzione, delle politiche di intervento sul territorio e sul patrimonio culturale, e sui differenti linguaggi e pratiche all’interno di una società multiculturale.


7 novembre 2020 al 17 gennaio 2021

Design! Oggetti, processi, esperienze
Parma, Palazzo Pigorini


dal 14 novembre 2020 al 14 febbraio 2021

L’Ottocento e il mito di Correggio
Parma, La nuova Pilotta


fino al 31 dicembre 2020

Mode nel mondo. I vestiti raccontano la vita dei popoli
Parma, Museo d’Arte Cinese


dal 18 maggio 2019

Talking Teens – Le Statue Parlano!
Parma, piazze della città


Mostre a Modena

dal 12 settembre 2020 al 10 gennaio 2021

Mario Cresci. La luce, la traccia, la forma
Modena, FMAV – Palazzo Santa Margherita


dal 18 settembre 2020 al 10 gennaio 2021

Quayola. Ultima perfezione
Modena, FMAV – Palazzo Santa Margherita


dal 10 ottobre al 8 novembre 2020

MOTEL. Mostra del Master sull’immagine contemporanea
della Scuola di alta formazione FMAV

Modena, Fondazione Modena Arti Visive – MATA
Fondazione Modena Arti Visive presenta negli spazi del MATA la collettiva MOTEL, che riunisce, attraverso fotografie, video e installazioni, gli esiti delle ricerche degli studenti del Master sull’immagine contemporanea della Scuola di alta formazione di FMAV.


dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021

Arnaldo Pomodoro. {sur}face
Soliera (MO), Castello Campori
L’arte contemporanea torna al Castello Campori di Soliera con la mostra di uno dei più grandi scultori viventi, le cui opere sono presenti in spazi aperti e collezioni pubbliche di tutto il mondo: Arnaldo Pomodoro. Una delle sue sculture monumentali, l’Obelisco per Cleopatra, resterà nella piazza di Soliera anche dopo la mostra, per i prossimi tre anni. “{sur}face” è a cura di Lorenzo Respi.


dal 7 novembre 2020 al 31 gennaio 2021

Willie Doherty. Where / Dove
Modena, Palazzina dei Giardini
Fondazione Modena Arti Visive presenta “Where / Dove”, prima personale dell’artista nordirlandese Willie Doherty (Derry, 1959) in un’istituzione italiana. Willie Doherty è un artista noto a livello internazionale per il suo lavoro fotografico e videoinstallativo, che ha avuto origine nella sua personale esperienza del conflitto nordirlandese vissuta a Derry, sua città natale. Situata all’estremità occidentale dell’Europa, al confine tra Regno Unito e Irlanda, Derry è un luogo dove la complessità storica e politica ha modellato l’esperienza fisica e psicologica del paesaggio. La mostra, curata da Daniele De Luigi e Anne Stewart, è co-prodotta da FMAV e dall’Ulster Museum di Belfast, dove verrà ospitata dal 5 marzo al 6 giugno 2021.

Anime Manga. Storie di maghette, calciatori e robottoni
Modena, FMAV – Palazzo Santa Margherita


Mostre a Bologna

dal 27 giugno 2020 al 7 febbraio 2021

Nino Migliori. Stragedia
Bologna, ex Chiesa di San Mattia
Nel 40° anniversario della Strage di Ustica, presso l’ex chiesa di San Mattia a Bologna in mostra 81 scatti di Nino Migliori. L’esposizione è a cura di Lorenzo Balbi, il responsabile dell’Area Arte Moderna e Contemporanea dell’Istituzione Bologna Musei.
Scopri di più


dal 8 ottobre 2020 al 3 gennaio 2021

Cingolato del signor Caufer, 1917-1918, stampa ai sali d’argento, Archives nationales, Francia, 398AP/38

Inventions
Bologna, MAST
La mostra “Inventions”, curata da Luce Lebart in collaborazione con Urs Stahel, presenta le fotografie delle invenzioni più brillanti e geniali provenienti dalle collezioni dell’Archive of Modern Conflict di Londra e dagli Archives nationales francesi. Queste numerose invenzioni vengono realizzate e fotografate in Francia tra le due Guerre mondiali presso l’Office des inventions su iniziativa di Jules-Louis Breton, a capo del Sous-secrétariat d’État aux inventions. La mostra riflette la molteplicità delle invenzioni presenti nell’archivio di Breton, che vanno dagli oggetti usati per sopravvivere in tempi di crisi ai dispositivi per godere di una migliore qualità della vita in periodo di pace. Pur essendo prodotte senza intenzioni artistiche, le immagini hanno innegabili qualità estetiche e possiedono quello che si può definire uno stile fotografico, paragonabile a quello di un autore, benché non siano mai firmate.

Alinka Echeverría
Apparent Femmininity/Femminilità apparente, Unnamed X, Ada, 2020
© Alinka Echeverría

MAST Photography Grant on Industry and Work
Bologna, MAST
Esposizione dei lavori della sesta edizione del concorso fotografico della Fondazione MAST dedicato ai talenti emergenti, vinto quest’anno da Alinka Echeverría (Città del Messico, 1981) con il progetto intitolato Apparent Femininity. In mostra le opere dei cinque finalisti dell’edizione 2020: Chloe Dewe Mathews (Regno Unito), Alinka Echeverría (Messico), Maxime Guyon (Francia), Aapo Huhta (Finlandia) e Pablo López Luz (Messico), cinque giovani fotografi selezionati tra quarantasette candidati provenienti da tutto il mondo, che hanno sviluppato un progetto originale e inedito per la Fondazione MAST.



Mostre a Milano

dal 10 ottobre 2020 al 28 marzo 2021

Frida Kahlo Il caos dentro
Milano, Fabbrica del Vapore
Un percorso sensoriale altamente tecnologico e spettacolare che immerge il visitatore nella vita della grande artista messicana, esplorandone la dimensione artistica, umana, spirituale. L’occasione per entrare negli ambienti dove la pittrice visse, per capire, attraverso i suoi scritti e la riproduzione delle sue opere, la sua poetica e il fondamentale rapporto con Diego Rivera, per vivere, attraverso i suoi abiti e i suoi oggetti, la sua quotidianità e gli elementi della cultura popolare tanto cari all’artista.


dal 17 ottobre 2020 al 7 febbraio 2021

Claudia Andujar, la lotta Yanomami
Milano, Triennale
L’esposizione è la più grande retrospettiva dedicata al lavoro e all’attivismo di Claudia Andujar, che ha trascorso oltre cinquant’anni a fotografare e proteggere gli Yanomami, uno dei più grandi gruppi indigeni del Brasile oggi minacciato dai cercatori d’oro illegali e dai rischi di contagio.


dal 17 ottobre 2020 al 18 aprile 2021

Enzo Mari curated by Hans Ulrich Obrist with Francesca Giacomelli
Milano, Triennale
In mostra oltre 60 anni di attività di uno dei principali maestri e teorici del design italiano, attraverso progetti, modelli, disegni, approfondimenti tematici – con materiali spesso inediti provenienti dall’Archivio Enzo Mari – e interventi di artisti e progettisti di fama internazionale.


fino al 25 ottobre 2020

K

K
Milano, Fondazione Prada
“K” presenta la celebre opera di Martin Kippenberger “The Happy End of Franz Kafka’s ‘Amerika’” in dialogo con l’iconico film di Orson Welles “The Trial” e l’album di musica elettronica “The Castle” dei Tangerine Dream. Concepita da Udo Kittelmann come una trilogia, la mostra rimanda ai tre romanzi incompiuti di Franz Kafka (1883-1924) “Amerika” (America), “Der Prozess” (Il processo) e “Das Schloss” (Il castello) pubblicati postumi tra il 1925 e il 1927. La natura incompleta di questi libri consente letture multiple e aperte e il loro adattamento in un progetto espositivo, che esplora i soggetti e le atmosfere dei romanzi attraverso allusioni e interpretazioni soggettive.


fino al 10 gennaio 2021

The Porcelain Room
Milano, Fondazione Prada

Liu Ye. Storytelling
Milano, Fondazione Prada


Mostre a Ferrara

dal 6 giugno al 27 dicembre 2020

Gaetano Previati. Tra Simbolismo e Futurismo
Ferrara, Castello Estense


dal 20 settembre al 22 novembre 2020

XVIII Biennale Donna – Attraversare l’immagine. Donne e fotografia tra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta
Ferrara, Palazzina Marfisa d’Este


Mostre in Romagna

dal 19 maggio al 31 ottobre 2020

Ulisse. L’arte e il mito
Forlì, Musei San Domenico
Il tema affrontato dalla mostra è quello di Ulisse e del suo mito, che da tremila anni domina la cultura dell’area mediterranea ed è oggi universale. La vasta ombra di Ulisse si è distesa sulla cultura d’Occidente. Dal Dante del XXVI° dell’ Inferno allo Stanley Kubrick di “2001 – Odissea nello spazio”, dal capitano Acab di “Moby Dick” alla città degli Immortali di Borges, dal Tasso della “Gerusalemme liberata” alla Ulissiade di Leopold Bloom l’eroe del libro di Joyce che consuma il suo viaggio in un giorno, al Kafavis di “Ritorno ad Itaca” là dove spiega che il senso del viaggio non è l’approdo ma è il viaggio stesso, con i suoi incontri e le sue avventure. Una grande viaggio dell’arte, non solo nell’arte. Una grande storia che gli artisti hanno raccontato in meravigliose opere. La mostra racconta un itinerario senza precedenti, attraverso capolavori di ogni tempo: dall’antichità al Novecento, dal Medioevo al Rinascimento, dal naturalismo al neo-classicismo, dal Romanticismo al Simbolismo, fino alla Film art contemporanea.


immagine in evidenza: Sandy Skloglund, Fox Games, 1989