“Rosa Winkel [Triangolo rosa]” debutta a Lenz Teatro di Parma

Lenz Fondazione, Rosa Winkel, foto di Maria Federica Maestri

Il nuovo capitolo dell’indagine performativa di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto su Resistenza e Olocausto viene presentato a Lenz Teatro di Parma in occasione della Festa della Liberazione. Lunedì 23 aprile alle 21 debutta Rosa Winkel [Triangolo rosa] di Lenz Fondazione, spettacolo sulla deportazione e sterminio degli omosessuali nei campi di concentramento nazisti.

Il nucleo drammaturgico è la vicenda sportiva e umana di Otto Peltzer, atleta omosessuale tedesco, uno dei più grandi mezzofondisti della storia dello sport. «Il triangolo rosa (in tedesco, rosa winkel, “angolo rosa”) era il simbolo di stoffa cucito sulla casacca degli internati nei campi di concentramento per omosessualità maschile – suggerisce Francesco Pititto, autore del testo originale e dell’imagoturgia dello spettacolo – il colore rosa era stato scelto per spregio nei confronti di chi era ritenuto intrinsecamente effeminato: alle lesbiche internate fu imposto, invece, il triangolo nero delle persone “asociali”».

Dopo il debutto di lunedì 23 aprile, Rosa Winkel [Triangolo rosa] sarà proposto il 24, 25, 26 e 27 aprile alle ore 21 e il 28 aprile alle ore 18.

Nello spettacolo sono presenti scene di nudo integrale. La visione è consigliata a un pubblico maggiore di 16 anni.

(foto di Maria Federica Maestri)