“Novecento” e altre cose che succedono martedì 20 novembre

Novecento

Negli anni a cavallo delle due guerre mondiali, abbandonato sulla nave dai genitori e ritrovato sopra un pianoforte da un marinaio, Novecento trascorre tutta la sua esistenza a bordo del Virginian, senza trovare mai il coraggio di scendere a terra. Un testo scritto da Baricco perché fosse interpretato dall’amico Eugenio Allegri, artista poliedrico e maestro di commedia dell’arte. Martedì 20 novembre al Teatro De Andrè di Casalgrande (RE), per la regia di Gabriele Vacis. (foto di Manuela Giusto)


Al Liceo Classico “Ariosto” di Reggio Emilia alle 16 Luigi Forte – germanista, studioso di letteratura moderna e contemporanea e collaboratore de La Stampa – presenta il suo libro “Berlino città d’altri. Il turismo intellettuale nella Repubblica di Weimar” (Neri Pozza) in dialogo con il poeta e critico letterario Guido Monti. Le pagine del libro muovono dai primi decenni del novecento in cui scrittori, artisti, intellettuali stranieri accorrono a Berlino e la trasformano nella metropoli weimariana che ospita e stimola grandi esperienze creative, la scena su cui si proiettano esperienze contrastanti, un milieu di fantasie e utopie raccolte per le strade d’Europa.