Danila Tkachenko

Fotografia Europea 2018: Allons enfants!

di Alberto Zanetti

Per Galilei doveva attenersi ai fatti. Per Robespierre essere virtuoso. Per Rimbaud avere visioni. Per Lenin sfrecciare su un vagone piombato. Per Chaplin farsi crescere i baffetti. Per Elvis ancheggiare. Per il Che non perdere la tenerezza. Per Cruyff giocare a tutto campo. Enigmatico quid del rivoluzionario: può trovarsi ovunque, apparire casuale, sembrare strano e incongruo. Ma poi balena, come un flash, e cambia tutto: rovescia il tavolo, dà scaccomatto, riscrive le regole, “abolisce lo stato di cose presenti”. Basta riconoscerne scatti, pose, istantanee. E allora che aspettate? In marcia per le strade di Fotografia Europea. Perché la rivoluzione non russa e non aspetta…


#1.
Net
Un bel film di Woody Allen si apriva con il primo piano di una palla in bilico sul filo di una rete tennistica. Il celebre sociologo Evgenij Morozov (20 aprile alle 17 in Piazza Martiri del 7 luglio) si occupa di un’altra Rete, ma vi potrà comunque dire da quale delle due parti cadrà la sfera: controllo, oligarchia e barbarie? Libertà, democrazia, ottimismo? Philip K. Dick o Steve Jobs?

Evgenij Morozov


#2.
La voglia matta
Gli eroi “son tutti giovani e belli”, diceva il cantautore. O, almeno, hanno stile: e voi? Qualche consiglio in arrivo da Nina Zilli con lo show “Pensiero stupendo” (venerdì 20 aprile alle 21.30 in Piazza San Prospero) e dall’icona del cinema italiano anni ‘60, e molto altro, Catherine Spaak (sabato 21 aprile alle 17 in Piazza Martiri del 7 luglio). Perché il sol dell’avvenire avrà tinte rosa.

Nina Zilli


#3.
Light My Fire
Amore libero, contraccezione, Eros e Civiltà, cavalca il serpente, “sì voglio Sì”, Gola Profonda, “L’utero è mio”, Porci con le ali, Le Ore, Tropico del cancro, minigonna, frusta, vibratore, Freud, Ultimo tango, “Je t’aime, je t’aime. Oh oui je t’aime”… A Palazzo Magnani c’è Sex & Revolution! Arrossiti?


#4.
On the road, again
”Una macchina veloce, l’orizzonte lontano e una donna da amare alla fine della strada”, anelava Kerouac. Ma, Jack, la strada non finisce mai… Basta chiedere al venerato maestro Joel Meyerowitz (in mostra a Palazzo da Mosto e il 21 aprile alle 12 in dialogo con Francesco Zanot in Piazza Martiri del 7 luglio) che ha creato un mondo nuovo grazie alla fotografia a colori e alle vie piene di cose e genti di New York: dai Sixties alla devastazione di Ground Zero.

Joel Meyerowitz


#5.
Internazionale Futura Umanità
L’Iran ai Chiostri di San Domenico, i tratti di costa dal Pacifico all’Adriatico di Mishka Henner (Banca d’Italia), la Cina tra antichità e turbosviluppo di Luca Campigotto (Sinagoga), il viaggio nell’isolamento siberiano di Clément Cogitore (Spazio San Rocco)…

Luca Campigotto


#6.
Finis Russiae
Avete il coraggio di tenere gli occhi aperti di fronte all’accecante tramonto dell’utopia? Allora potete andare a vedere Motherland di Danila Tkachenko (via Secchi): l’immagine più iconica di questa edizione – una casa in fiamme nella notte della steppa sterminata – è sua.


#7.
Ventrali
Hanno saltato l’ostacolo in modo differente dagli altri ricordandoci il gusto della cinnamon, Jarmila Kratochvílová, Alberto Juantorena e quanto sono “sensibili” i neo-fascisti, ecc. Ora la storia degli Offlaga Disco Pax – tre dischi, ammirazione e affetto in tutta la Penisola – è diventata un libro con le foto di Fabrizio Fontanelli. Il Comitato Centrale esige di intervenire alla presentazione di domenica 22 aprile in Polveriera, ore 18.

Offlaga Disco Pax


 

(17 aprile 2018)

 


Fotografia Europea – Europea. Rivoluzioni. Ribellioni, cambiamenti, utopie
dal 20 aprile al 17 giugno 2018
Reggio Emilia, luoghi vari
Info: www.fotografiaeuropea.it

Crediti foto
Foto in evidenza © Danila Tkachenko
#2 © Toni Thorimbert
#3 © Angelo Frontoni
#4 © Joel Meyerowitz
#5 © Luca Campigotto
#7 © Fabrizio Fontanelli