Coma_Cose e altre cose che succedono questa settimana #14


“L’abisso” di Davide Enia in scena a Reggio e a Parma. La tredicesima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia. Fil Bo Riva al Locomotiv. Ascanio Celestini a Scandiano e Correggio con “Pueblo”. Coma_Cose presentano “Hype Aura” al Vox. Apparat all’Estragon. Low al Teatro Antoniano. Parma 360 – Festival della Creatività Contemporanea. C’è questo e molto altro da fare tra il 2 e l’8 aprile 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


Davide Enia

“L’abisso” di Davide Enia in scena a Reggio e a Parma
Lampedusa come metafora di un naufragio, personale e collettivo. In “L’abisso”, mercoledì 3 e giovedì 4 aprile al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia e sabato 6 aprile al Teatro al Parco di Parma, Davide Enia attinge ai suoi “Appunti per un naufragio” (Premio Mondello 2018) per raccontare un’esperienza indicibile: lo spaesamento, il dolore e la rabbia che affiorano dinanzi alla grande tragedia contemporanea degli sbarchi sulle coste del Mediterraneo. (foto di Gianluca Moro)

 


Villon

“Villon” di Roberto Mussapi al Teatro Due
Parigi. Una cella sotterranea, buia, che contiene un uomo che sta per essere giustiziato. Una voce lo chiama, gli porta dei viveri. Ma soprattutto gli dà il la per raccontare la sua storia. Una storia per nulla ordinaria, visto che il prigioniero condannato a morte è maître François des Loges, oppure anche maître François de Montcorbier, in entrambi casi chiamato Villon. E François Villon è un uomo come pochi ce ne sono stati: probabilmente il prototipo del poeta maledetto, il primo a coniugare una essenza poetica altissima e una dissolutezza quasi proverbiale. “Villon” di Roberto Mussapi è in scena al Teatro Due di Parma dal 3 al 7 aprile.

 


festival giornalismo perugia

La tredicesima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia
Il Festival Internazionale del Giornalismo, dal 3 al 7 aprile a Perugia, è stato fondato nel 2006 da Arianna Ciccone e Christopher Potter. L’obiettivo? Parlare di giornalismo, informazione, libertà di stampa e democrazia secondo il modello 2.0. Un evento nato dal basso, aperto alle “incursioni” degli utenti, un evento unico dove i protagonisti dell’informazione provenienti da tutto il mondo si incontrano con i cittadini, i lettori, gli studenti, i professionisti, in un flusso continuo di idee, scambi, confronti.

 


mario brunello

Mario Brunello e la Filarmonica Arturo Toscanini all’Auditorium Paganini
All’Auditorium Paganini di Parma, giovedì 4 e sabato 6 aprile, il celebre violoncellista Mario Brunello insieme alla Filarmonica Arturo Toscanini, con la direzione di Francesco Lanzillotta, esegue un vasto e variegato programma che va da Johann Sebastian Bach (Concerto per clavicembalo in re maggiore BWV 1054 – trascrizione per violoncello piccolo) a György Ligeti (Concerto per violoncello e orchestra), da Ottorino Respighi (Antiche danze ed arie: Suite III) al giovane Francesco Antonioni (Nostro Mare). (foto di Giulio Favotto)

 


Fil Bo Riva al Locomotiv
Filippo Bonamici, aka Fil Bo Riva, 26enne nato a Roma e cresciuto tra Dublino e Berlino, dopo il successo del suo Ep “If You’re Right, It’s Alright”, giovedì 4 aprile presenta il suo album d’esordio “Beautiful Sadness” al Locomotiv di Bologna. Una voce intensa e un grande talento.

 


Ascanio Celestini

Ascanio Celestini a Scandiano e Correggio con “Pueblo”
Nel suo nuovo spettacolo, “Pueblo”, Ascanio Celestini crea ancora una volta un ritratto tragicomico, pietoso e solidale dei margini della società e invita lo spettatore a identificarsi con i suoi protagonisti. L’artista, fra i più rappresentativi del teatro di narrazione in Italia, ritorna negli stessi luoghi in cui palpitava la vita in “Laika”, sua precedente creazione: la periferia, il bar, il supermercato, il marciapiede. Celestini giovedì 4 aprile sarà al Cineteatro Boiardo di Scandiano (RE) e venerdì 5 aprile al Teatro Asioli di Correggio (RE). (foto di Valerie Nagant)

 


live arts week

A Bologna l’ottava edizione di Live Arts Week
L’ottava edizione di Live Arts Week, a Bologna dal 4 al 13 aprile, viene scandita da un lungo prologo dal 4 al 7 aprile, e un lungo epilogo da giovedì 11 aprile a sabato 13 aprile. Sarà una lunga Settimana della Performance, una costellazione di avvenimenti che hanno luogo in diversi spazi della città, noti e sconosciuti, grandi e piccoli, pubblici e privati. In programma un insieme eterogeneo di performance che ruotano intorno alla presenza e all’esperienza percettiva di corpi, movimenti, suoni e visioni.

 


Coma_Cose presentano “Hype Aura” al Vox
La loro è una personale commistione di rap, elettronica e cantautorato. E dopo tanti singoli, ecco il primo album dei Coma_Cose. “Hype Aura” è uscito il 15 marzo e contiene nove brani inediti. Venerdì 5 aprile li presentano dal vivo al Vox di Nonantola.

 


Elio

Elio con “Il Flauto Magico” a Roccabianca
Venerdì 5 aprile all’Arena del Sole di Roccabianca (PR) il sempre pirotecnico Elio, nella veste di mattatore, narratore e baritono, rielabora “Il Flauto Magico” di W. A. Mozart dando voce ai differenti personaggi. Musiche eseguite, nella trascrizione di F.J. Rosinack per oboe, violino, viola e violoncello, dai musicisti dell’Oboe Quartet dei Berliner Philharmoniker, con il soprano Scilla Cristiano.

 


Play 2019

Play – Festival del gioco a ModenaFiere
Lo slogan è quello che ha accompagnato 10 anni di successi: Entra. Scegli. Gioca. Ma ci sono sempre novità a rendere unico e indimenticabile l’appuntamento con Play, il festival del gioco da tavolo più amato in Italia. I motivi per non mancare a ModenaFiere il 5, 6 e 7 aprile? Perché si gioca tre giorni (uno in più rispetto alle scorse volte). Perché ci sono più di 5000 titoli tra novità, grandi classici e introvabili. E perché è l’unico evento di questo tipo con un intero padiglione a misura di bambino.

 


A Reggio Emilia la seconda edizione del festival Felicità Sostenibile
24 eventi e 40 fra ospiti e artisti animeranno la seconda edizione del festival “Felicità Sostenibile. Eventi di spudorata propaganda a sostegno dell’ambiente”, organizzato dal Centro Teatrale MaMiMò. A Reggio Emilia dal 5 al 7 e dal 12 al 14 aprile attraverso incontri, laboratori, spettacoli teatrali si proverà a capire a che punto siamo con le politiche ambientali, ci si confronterà sulle vie d’uscita, si darà voce alle buone pratiche già in atto.

 


L'istruttoria

Al Teatro Due ritorna “L’Istruttoria”
“L’Istruttoria”, capolavoro del teatro documentario europeo composta da Peter Weiss attingendo alle deposizioni processuali dei testimoni e dei sopravvissuti di Auschwitz, nel 1984 è stata messa in scena dal Teatro Due di Parma diretta da Gigi Dall’Aglio. Un allestimento divenuto un cult teatrale che ha conosciuto importanti tournée in Italia e all’estero e che, da oltre trent’anni, torna sul palco del Teatro Due il 22, 23, 24, 28, 30, 31 marzo e il 5, 6, 7 aprile.

 


Al Teatro del Fiume “Racconto cosmico” con Neri Marcorè
Il “Racconto cosmico” è un’occasione per ripercorrere l’intera evoluzione dell’universo, grazie al dialogo tra tre scienziati d’eccellenza: Fernando Ferroni, Antonio Masiero e Viviana Fafone. Guidati dal brio e dalla curiosità di Neri Marcorè, il racconto si dipana alternandosi alla voce narrante dell’attrice Maria Giulia Scarcella, alle animazioni disegnate dal vignettista Luca Ralli, e al piano jazz di Umberto Petrin. Venerdì 5 aprile in scena al Teatro del Fiume di Boretto (RE).

 


Apparat al PalaEstragon
Allo scorso Festival del Cinema di Venezia, Apparat ha vinto il premio per migliore colonna sonora del film Capri-Revolution. Che sia tecno elegiaca o ballate pop dall’orchestrazione profonda, il lavoro dell’artista teutonico mantiene una costante eleganza e un’attenzione spasmodica ai dettagli. Sabato 6 aprile è al PalaEstragon di Bologna per una serata già sold out.

 


Low al Teatro Antoniano di Bologna
Le atmosfere create durante le loro performance live appartengono a mondi lontani, possibili unicamente nei sogni. I Low si sono costruiti, con pazienza e gradualità, un seguito di culto tra i fan della scena slow-core americana e mondiale. E ora si godono i meritati sold out, come questo di sabato 6 aprile all’Antoniano di Bologna.

 


parma 360

Al via Parma 360 – Festival della Creatività Contemporanea
In vista delle celebrazioni di Parma Capitale italiana della Cultura 2020, prende il via sotto il segno di Leonardo, nell’anno che ne ricorda i 500 anni dalla scomparsa, la quarta edizione di Parma 360 Festival della creatività contemporanea, evento dedicato alle massime espressioni delle arti visive contemporanee e alla creatività giovanile. Il ricco palinsesto, dal titolo L’eredità creativa e tecnologica di Leonardo da Vinci, dal 6 aprile al 19 maggio propone al pubblico mostre ed eventi diffusi in città in luoghi istituzionali e privati, all’insegna della rigenerazione e della rifunzionalizzazione degli spazi urbani per un coinvolgimento attivo della cittadinanza e dei visitatori.

 


“Il costruttore Solness” al Teatro Ruggeri
Lunedì 8 aprile al Teatro Ruggeri di Guastalla (RE) va in scena “Il costruttore Solness” con Umberto Orsini e Lucia Lavia. Solness, anziano e affermato costruttore edile, è ostile ai giovani, da cui teme di essere soppiantato. La giovanissima Hilde bussa alla sua porta; gli ricorda un incontro e una promessa di dieci anni prima, fatta a lei, bimba, da lui al vertice del successo. Solness non rammenta ed è tormentato dal senso di colpa per un episodio all’origine della sua fortuna sociale, professionale ed economica, ma anche dell’infelicità sua e della moglie. Hilde gli offrirà un possibile riscatto… (foto compagniaorsini.it)