Art Brut e altre cose che succedono questa settimana #16


Il Festival dei giovani, a Reggio Emilia. L’anteprima di May Days, a Parma. Sempre a Parma, Verso Traiettorie 2019. Art Brut al Magnolia. Alla Ghirba “La Politica al tempo dei Sovranisti”. I BowLand al Vox. “Utoya” al Teatro Sociale di Gualtieri. C’è questo e molto altro da fare tra il 16 e il 22 aprile 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


Kafka sulla spiaggia

“Kafka sulla spiaggia” al Teatro Boiardo di Scandiano
“Kafka sulla spiaggia”, in scena martedì 16 aprile Cinema Teatro Boiardo di Scandiano (RE), è la trasposizione danzata dell’omonima opera letteraria di Murakami Haruki, del geniale viaggio visionario dove si susseguono personaggi e rivelazioni senza mai giungere al cuore più profondo della storia, che resta segreto e inattingibile. Tra hip hop theatre, danza contemporanea, house, jazz rock e breaking. La regia è di Marisa Ragazzo, le coreografie di Marisa Ragazzo e Omid Ighani.

 


festival dei giovani

Il Festival dei giovani, a Reggio Emilia
Una kermesse di workshop, dibattiti, seminari, competizioni, concerti e sport con giovani e studenti provenienti da tutta Italia, protagonisti indiscussi con testimonianze, storie, start up, musica, poesie e racconti, reportage ed inchieste. Al Festival dei giovani, in programma a Reggio Emilia dal 15 al 17 aprile, partecipano giornalisti, imprenditori, docenti universitari, personaggi del mondo della cultura e dell’informazione, del sociale e della formazione, del mondo dello sport e dello spettacolo.

 


“All’inizio della città di Roma”, a Parma 21 interpreti per l’anteprima di May Days
L’inizio di una delle più estese civiltà europee, quella romana, raccontato da ventuno interpreti con un una danza che è preferibile chiamare “ballo”, per il suo richiamo folklorico di movimento collettivo e comunitario. Va in scena mercoledì 17 aprile al Teatro al Parco di Parma “All’inizio della città di Roma”, anteprima della terza edizione di May Days, la rassegna di danza d’autore in programma dal 2 al 5 maggio. Lo spettacolo segna il termine di un Corso, diretto da Claudia Castellucci (foto), imperniato sul ritmo e sulla sua valenza in ambito drammatico e coreografico, e ha inaugurato l’Istituto di Ricerca di Arte Applicata Societas. (foto di Pierre Planchenault)

 


Verso Traiettorie 2019

Verso Traiettorie 2019, al via con l’Ensemble Prometeo
Parte mercoledì 17 aprile Verso Traiettorie 2019, IX rassegna di musica classica, moderna e contemporanea che si tiene sul palco della Casa della Musica anche il 30 aprile, il 6 e il 31 maggio e il 12 giugno. Onore ed onere del via va all’Ensemble Prometeo, trio composto da Roberta Gottardi (clarinetto), Claude Hauri (violoncello) e Ciro Longobardi (pianoforte). Ricco il programma, quasi tutto basato su compositori contemporanei, con un’escursione nel Romanticismo schumanniano e al tardo Romanticismo vagamente conservatore di Max Bruch. (Remo Gaibazzi, Cupola 1, 1968-1969)

 


“Isabel Green” al Teatro Magnani
Mercoledì 17 aprile al Teatro Magnani di Fidenza (PR) la brava Maria Pilar Pérez Aspa interpreta “Isabel Green”, pièce scritta da Emanuele Aldrovandi, uno dei più promettenti autori italiani, già vincitore del prestigioso Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”. Isabel Green, una grande star di Hollywood, ha appena vinto il premio Oscar come miglior attrice protagonista. È sul palco del Dolby Theatre di Los Angeles, con in mano la statuetta che sognava fin da quand’era bambina, e inizia il suo discorso di accettazione. Ma i ringraziamenti, che dovrebbero durare al massimo quarantacinque secondi, si protraggono in un continuo rilancio tragicomico e paradossale. 

 


Il concerto di Beirut all’Alcatraz di Milano è stato annullato, recupero il 12 ottobre

Si legge sul sito del locale milanese: «Siamo molto dispiaciuti di dover comunicare che la data di Beirut all’Alcatraz – Milano del 18 aprile è stata annullata per problemi di salute di Zach Condon, che è costretto a una pausa per prendersi cura della sua voce». Il concerto del 18 aprile sarà recuperato il 12 ottobre, sempre all’Alcatraz; il biglietto per la data annullata sarà ancora valido. Chi invece vuole richiedere il rimborso può farlo entro i prossimi 30 giorni sui canali ufficiali TicketOne.

 


Art Brut al Magnolia
Giovedì 18 aprile al Magnolia di Segrate (MI) arriva la band del carismatico Eddie Argos e come si fa ad ignorarla, se dopo quindici anni di onorata carriera continua a sfornare dischi che spaccano come il recente “Wham! Bang! Pow! Let’s Rock Out!”? E infatti non ignoriamo, ma andiamo al Magnolia a buttarci tra le loro cockney arms!
.

 


Alla Ghirba “La Politica al tempo dei Sovranisti”
Giovedì 18 aprile alle 18 alla Ghirba di Reggio Emilia “La Politica al tempo dei Sovranisti”, parole e riflessioni attorno al libro “La Lega di Salvini. Estrema destra di governo”. Intervengono gli autori Dario Tuorto e Gianluca Passarelli (foto), Carla Ruffini e Barbara Bertani (Non una di meno), Federica Zambelli (Città Migrante) e Marco Adorni (Centro Studi Movimenti, Parma). Modera Michele Angella (Tele Reggio). A seguire, incursione dei Chiromatti… tra Salvini, taralli e tarocchi. È proprio vero, una risata ci seppellirà tutti.

 


I BowLand al Vox
Venerdì 19 aprile al Vox di Nonantola (MO) si chiude il tour nei club dei BowLand, progetto musicale nato a Firenze da tre amici che si sono incontrati a Teheran ma che trova le sue radici in uno spazio dove atmosfere fluttuanti e suoni insoliti si fondono con voci eteree e ritmi groovy. Finalisti lo scorso anno al programma televisivo XFactor Italia. Se son rose, fioriranno. .

 


Frankie Cosmos al Covo
Con un ironico minimalismo, Greta Kline ha trasformato le sue idee in centinaia di miniature pop. Dopo il successo dell’album “Vessel” e del tour mondiale che ne è seguito, il suo progetto musicale, la band Frankie Cosmos, arriva in Europa e venerdì 19 aprile fa tappa al Covo di Bologna.

 


Mâtilde alla Polveriera
Sabato 20 aprile alla Polveriera di Reggio Emilia il collettivo di musiciste reggiane Mâtilde presenta dal vivo il loro primo EP, registrato nei mesi scorsi presso il Bunker Studio di Rubiera.
 


Utoya

“Utoya” al Teatro Sociale di Gualtieri
Sabato 20 aprile al Teatro Sociale di Gualtieri (RE) va in scena “Utoya”. Racconta Edoardo Erba, uno degli interpreti e degli ideatori della pièce: «Scrivere un testo su quanto è avvenuto a Utoya, in Norvegia, nel 2011 è un’impresa impegnativa. Il Teatro non è il luogo della documentazione e dell’informazione in primis, è la sede di una riflessione». In Utoya si entra in un labirinto, dove tutto è e non è.

 


Artevento, a Cervia torna il Festival Internazionale dell’Aquilone
Nella Spiaggia di Pinarella e al Magazzino del Sale di Cervia (RA) dal 20 aprile al 1 maggio torna il Festival Internazionale dell’Aquilone, una delle manifestazioni a cui siamo più affezionati, con tutta la carica poetica e di stupore che gli aquiloni portano con sé. Questa 39° edizione è dedicata a Ray Bethell, leggenda del Multiple Kite Flying, e amatissimo protagonista di Artevento per molte sue edizioni. Osannato come un vero mito dal pubblico che l’ha visto esibirsi dal 2001 sulla spiaggia di Cervia, Ray è scomparso nella sua Vancouver il 18 dicembre scorso all’età di 90 anni, lasciando un vuoto incolmabile nella comunità mondiale degli aquilonisti e nel cuore dei suoi fan.

 


The Long Ryders + Dan Stuart & Don Antonio al Bronson
Domenica 21 aprile al Bronson di Madonna dell’Albero (RA) arrivano The Long Ryders. Prima della loro apparizione sulle scene negli anni ’80, l’Alt-Country non esisteva: sono l’anello di congiunzione fra i The Flying Burrito Bros di Gram Parson e i Wilco. Nel 2019 The Long Ryders sono tornati con un nuovo album e un tour mondiale. Apre la serata un colosso del Paisley Underground, Dan Stuart, ideatore dei lisergici Green On Red, qui a Ravenna in coppia con Don Antonio aka Antonio Gramentieri, chitarrista e co-writer con Alejandro Escovedo del disco “The Crossing”.

 


The Go Devils all’Hana-Bi
Cominciano i live all’Hana-Bi di Marina di Ravenna (RA), durante il lungo ponte pasquale-liberazionale. Lunedì 22 aprile inaugurano, per la prima volta in Italia, The Go Devils, tre ragazze di Osaka, tre diavolesse dal look che non passa inosservato che propongono un sixties garage punk attualizzato con una forte dose di fuzz.

 

(foto in evidenza di Olga Baczynska)

Fotografia Europea e altre cose che succedono questo fine settimana #15


A Reggio Emilia inaugura la quattordicesima edizione del festival Fotografia Europea e noi abbiamo preparato una piccola guida per orientarsi nel labirinto di mostre, temi, concerti, eventi, luoghi e personaggi. A Bologna c’è il concerto (sold out) degli Zen Circus per i 10 anni di “Andate Tutti Affanculo”. Batsheva – The Young Ensemble arriva al Teatro Valli con uno spettacolo in prima europea. Il nuovo concept store di MAX&Co. a Reggio Emilia inaugura con una mostra di Martin Parr. Al Locomotiv di Bologna i Lali Puna presentano il loro nuovo EP. C’è questo e molto altro da fare tra il 12 e il 14 aprile 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


Il concerto-evento degli Zen Circus al Paladozza
Nel Settembre del 2009 gli Zen Circus escono con un disco intitolato “Andate Tutti Affanculo”, il primo cantato interamente in italiano dalla band toscana e, diciamolo, un titolo che anticipa certe finezze politiche. Irriverente ma emotivo, drammatico e figlio del proprio tempo, l’album esplode, e con esso la carriera della band. Inserito da Rolling Stone fra i migliori 100 album italiani di sempre, fa da spartiacque per la musica indipendente, che da quel giorno ad oggi è diventata la musica italiana più seguita. Venerdì 12 aprile il gruppo toscano festeggia il decennale con un concerto-evento (sold out) al Paladozza di Bologna, dove accosterà i brani cardine del disco ai successi più recenti.

 


Al Teatro Comunale di Carpi María Pagés Compañía con “Yo, Carmen”
“Yo, Carmen” di María Pagés Compañía, venerdì 12 aprile al Teatro Comunale di Carpi (MO), vuole essere una rilettura della celebre Carmen, non una nuova versione tra le tante già esistenti dell’opera di Merimée. Quel personaggio voluttuoso che Bizet coinvolge con la sua musica affascinante serve come punto di partenza di uno spettacolo che intende disattivare gli stereotipi ideati, mantenuti e insegnati nel corso degli anni per silenziare lo spirito della donna.

 


La nostra guida alla quattordicesima edizione di Fotografia Europea
Le mostre di Horst P. Horst e Larry Fink, Antoine D’Agata, Francesco Jodice, Pixy Liao, l’incontro con Iva Zanicchi, la serata indie con Iosonouncane, Dino Fumaretto e la Rappresentante di Lista. Abbiamo preparato una piccola guida per orientarsi nel labirinto di mostre, temi, concerti, eventi, luoghi, personaggi della quattordicesima edizione di Fotografia Europea che inaugura venerdì 12 aprile a Reggio Emilia.

 


Love check // Mostra elettroaffettiva

Alla Ghirba la mostra “Love check”, concerti, performance e djset
Da venerdì 12 a domenica 14 aprile Ghirba – Biosteria della Gabella, in via Roma, una delle zone della città in cui si concentra il maggior numero di mostre del circuito OFF di Fotografia Europea, ospita “Love check. Mostra elettroaffettiva” di Dalila Longo e Ali Beidoun, i concerti di Confusione music festival (venerdì Bad girl + Bogazzi-Gasparotti, sabato Delenda Noia + So beast), performance e djset.

 


martin parr, beach therapy

“Beach Therapy” di Martin Parr nel nuovo concept store di MAX&Co a Reggio Emilia
Venerdì 12 aprile, in occasione dell’edizione 2019 di Fotografia Europea e dell’apertura del nuovo concept store in Piazza Prampolini a Reggio Emilia, MAX&Co. presenta la mostra “Beach Therapy” di Martin Parr, tratta dall’omonima serie del famoso fotografo britannico. Fino al 30 maggio, nel nuovo store MAX&Co. saranno esposte nove fotografie di medio formato, a cura di Damiani e Studio Blanco. Presentata a Bologna lo scorso febbraio, la mostra di Martin Parr solleva un velo sulle abitudini e i comportamenti umani in un contesto speciale come quello balneare.

 


Giovanni Truppi al Locomotiv
Giovanni Truppi sabato 13 aprile sale sul palco del Locomotiv di Bologna. Cantautore ispirato, Truppi è un polistrumentista e cantante che per stile e liriche rievoca i grandi del cantautorato italiano degli anni ’70. La sua forma canzone è profonda, provocatoria, complessa, imprevedibile e mai banale così come ci dimostra l’album da poco uscito, “Poesia e Civiltà”. Dice Truppi: «A volte sento il bisogno di fare il punto con me stesso su chi sono e quali siano le cose più importanti per me. Tra tante risposte passeggere, la sola che rimane sempre è quella di cui parlo in questa canzone e cioè che l’empatia nei confronti dei più deboli è l’unico motivo per cui valga la pena, per gli uomini, di unirsi o dividersi tra loro».

 


I Lali Puna presentano il nuovo EP, a Bologna
Ancora al Locomotiv, domenica 14 aprile per il concerto dei Lali Puna, che hanno da poco pubblicato il nuovo EP “Being Water”. Con questo lavoro il gruppo tedesco raffina il suo tratto distintivo, ondeggiante tra pop ed elettronica, spingendo i confini verso il cantautorato classico. Sono più di vent’anni che non sbagliano un colpo, non è cosa banale.

 


Goran Bregovic Orchestra a Bologna
Compositore contemporaneo, musicista tradizionale o rock star, Goran Bregovic non ha dovuto scegliere – ha combinato tutto per inventare una musica che è allo stesso tempo universale e assolutamente sua. Cinque anni dopo l’album “Champagne for Gypsies”, Bregovic accompagnato da un’orchestra di 18 elementi presenta “Three letters from Sarajevo”, una nuova produzione incentrata sul tema della diversità religiosa e della coesistenza pacifica. Domenica 14 aprile all’EuropAuditorium di Bologna.

 


Il pianista Ramin Bahrami al Teatro Regio di Parma
Il prodigio iraniano della tastiera Ramin Bahrami ha trovato da tempo in Italia il suo milieu  ideale. La ricerca interpretativa del pianista iraniano si rivolge in particolar modo alla produzione di Johann Sebastian Bach e domenica 14 aprile al Teatro Regio di Parma ce ne offrirà qualche magico esempio.

 


Batsheva - The Young Ensemble

Batsheva – The Young Ensemble, prima europea al Teatro Valli
Uno spettacolo in prima europea domenica 14 aprile, alle 18 al Teatro Municipale Valli di Reggio Emilia, chiude la Stagione di Danza della Fondazione I Teatri. Sul palcoscenico Batsheva – The Young Ensemble con “George & Zalman” (2006) e “Black Milk” (1990), due coreografie di Ohad Naharin, coreografo israeliano, considerato tra i più rappresentativi della danza contemporanea e “The Look” di Sharon Eyal, coreografa in residenza alla Batsheva Dance Company fino al 2012, e che ha poi intrapreso, con il suo partner Guy Bachar, l’attività di coreografa free lance, fondando la compagnia L-E-V.

 

foto in evidenza: Pixy Liao, “It’s never been easy to carry you”, 2013

Coma_Cose e altre cose che succedono questa settimana #14


“L’abisso” di Davide Enia in scena a Reggio e a Parma. La tredicesima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia. Fil Bo Riva al Locomotiv. Ascanio Celestini a Scandiano e Correggio con “Pueblo”. Coma_Cose presentano “Hype Aura” al Vox. Apparat all’Estragon. Low al Teatro Antoniano. Parma 360 – Festival della Creatività Contemporanea. C’è questo e molto altro da fare tra il 2 e l’8 aprile 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


Davide Enia

“L’abisso” di Davide Enia in scena a Reggio e a Parma
Lampedusa come metafora di un naufragio, personale e collettivo. In “L’abisso”, mercoledì 3 e giovedì 4 aprile al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia e sabato 6 aprile al Teatro al Parco di Parma, Davide Enia attinge ai suoi “Appunti per un naufragio” (Premio Mondello 2018) per raccontare un’esperienza indicibile: lo spaesamento, il dolore e la rabbia che affiorano dinanzi alla grande tragedia contemporanea degli sbarchi sulle coste del Mediterraneo. (foto di Gianluca Moro)

 


Villon

“Villon” di Roberto Mussapi al Teatro Due
Parigi. Una cella sotterranea, buia, che contiene un uomo che sta per essere giustiziato. Una voce lo chiama, gli porta dei viveri. Ma soprattutto gli dà il la per raccontare la sua storia. Una storia per nulla ordinaria, visto che il prigioniero condannato a morte è maître François des Loges, oppure anche maître François de Montcorbier, in entrambi casi chiamato Villon. E François Villon è un uomo come pochi ce ne sono stati: probabilmente il prototipo del poeta maledetto, il primo a coniugare una essenza poetica altissima e una dissolutezza quasi proverbiale. “Villon” di Roberto Mussapi è in scena al Teatro Due di Parma dal 3 al 7 aprile.

 


festival giornalismo perugia

La tredicesima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia
Il Festival Internazionale del Giornalismo, dal 3 al 7 aprile a Perugia, è stato fondato nel 2006 da Arianna Ciccone e Christopher Potter. L’obiettivo? Parlare di giornalismo, informazione, libertà di stampa e democrazia secondo il modello 2.0. Un evento nato dal basso, aperto alle “incursioni” degli utenti, un evento unico dove i protagonisti dell’informazione provenienti da tutto il mondo si incontrano con i cittadini, i lettori, gli studenti, i professionisti, in un flusso continuo di idee, scambi, confronti.

 


mario brunello

Mario Brunello e la Filarmonica Arturo Toscanini all’Auditorium Paganini
All’Auditorium Paganini di Parma, giovedì 4 e sabato 6 aprile, il celebre violoncellista Mario Brunello insieme alla Filarmonica Arturo Toscanini, con la direzione di Francesco Lanzillotta, esegue un vasto e variegato programma che va da Johann Sebastian Bach (Concerto per clavicembalo in re maggiore BWV 1054 – trascrizione per violoncello piccolo) a György Ligeti (Concerto per violoncello e orchestra), da Ottorino Respighi (Antiche danze ed arie: Suite III) al giovane Francesco Antonioni (Nostro Mare). (foto di Giulio Favotto)

 


Fil Bo Riva al Locomotiv
Filippo Bonamici, aka Fil Bo Riva, 26enne nato a Roma e cresciuto tra Dublino e Berlino, dopo il successo del suo Ep “If You’re Right, It’s Alright”, giovedì 4 aprile presenta il suo album d’esordio “Beautiful Sadness” al Locomotiv di Bologna. Una voce intensa e un grande talento.

 


Ascanio Celestini

Ascanio Celestini a Scandiano e Correggio con “Pueblo”
Nel suo nuovo spettacolo, “Pueblo”, Ascanio Celestini crea ancora una volta un ritratto tragicomico, pietoso e solidale dei margini della società e invita lo spettatore a identificarsi con i suoi protagonisti. L’artista, fra i più rappresentativi del teatro di narrazione in Italia, ritorna negli stessi luoghi in cui palpitava la vita in “Laika”, sua precedente creazione: la periferia, il bar, il supermercato, il marciapiede. Celestini giovedì 4 aprile sarà al Cineteatro Boiardo di Scandiano (RE) e venerdì 5 aprile al Teatro Asioli di Correggio (RE). (foto di Valerie Nagant)

 


live arts week

A Bologna l’ottava edizione di Live Arts Week
L’ottava edizione di Live Arts Week, a Bologna dal 4 al 13 aprile, viene scandita da un lungo prologo dal 4 al 7 aprile, e un lungo epilogo da giovedì 11 aprile a sabato 13 aprile. Sarà una lunga Settimana della Performance, una costellazione di avvenimenti che hanno luogo in diversi spazi della città, noti e sconosciuti, grandi e piccoli, pubblici e privati. In programma un insieme eterogeneo di performance che ruotano intorno alla presenza e all’esperienza percettiva di corpi, movimenti, suoni e visioni.

 


Coma_Cose presentano “Hype Aura” al Vox
La loro è una personale commistione di rap, elettronica e cantautorato. E dopo tanti singoli, ecco il primo album dei Coma_Cose. “Hype Aura” è uscito il 15 marzo e contiene nove brani inediti. Venerdì 5 aprile li presentano dal vivo al Vox di Nonantola.

 


Elio

Elio con “Il Flauto Magico” a Roccabianca
Venerdì 5 aprile all’Arena del Sole di Roccabianca (PR) il sempre pirotecnico Elio, nella veste di mattatore, narratore e baritono, rielabora “Il Flauto Magico” di W. A. Mozart dando voce ai differenti personaggi. Musiche eseguite, nella trascrizione di F.J. Rosinack per oboe, violino, viola e violoncello, dai musicisti dell’Oboe Quartet dei Berliner Philharmoniker, con il soprano Scilla Cristiano.

 


Play 2019

Play – Festival del gioco a ModenaFiere
Lo slogan è quello che ha accompagnato 10 anni di successi: Entra. Scegli. Gioca. Ma ci sono sempre novità a rendere unico e indimenticabile l’appuntamento con Play, il festival del gioco da tavolo più amato in Italia. I motivi per non mancare a ModenaFiere il 5, 6 e 7 aprile? Perché si gioca tre giorni (uno in più rispetto alle scorse volte). Perché ci sono più di 5000 titoli tra novità, grandi classici e introvabili. E perché è l’unico evento di questo tipo con un intero padiglione a misura di bambino.

 


A Reggio Emilia la seconda edizione del festival Felicità Sostenibile
24 eventi e 40 fra ospiti e artisti animeranno la seconda edizione del festival “Felicità Sostenibile. Eventi di spudorata propaganda a sostegno dell’ambiente”, organizzato dal Centro Teatrale MaMiMò. A Reggio Emilia dal 5 al 7 e dal 12 al 14 aprile attraverso incontri, laboratori, spettacoli teatrali si proverà a capire a che punto siamo con le politiche ambientali, ci si confronterà sulle vie d’uscita, si darà voce alle buone pratiche già in atto.

 


L'istruttoria

Al Teatro Due ritorna “L’Istruttoria”
“L’Istruttoria”, capolavoro del teatro documentario europeo composta da Peter Weiss attingendo alle deposizioni processuali dei testimoni e dei sopravvissuti di Auschwitz, nel 1984 è stata messa in scena dal Teatro Due di Parma diretta da Gigi Dall’Aglio. Un allestimento divenuto un cult teatrale che ha conosciuto importanti tournée in Italia e all’estero e che, da oltre trent’anni, torna sul palco del Teatro Due il 22, 23, 24, 28, 30, 31 marzo e il 5, 6, 7 aprile.

 


Al Teatro del Fiume “Racconto cosmico” con Neri Marcorè
Il “Racconto cosmico” è un’occasione per ripercorrere l’intera evoluzione dell’universo, grazie al dialogo tra tre scienziati d’eccellenza: Fernando Ferroni, Antonio Masiero e Viviana Fafone. Guidati dal brio e dalla curiosità di Neri Marcorè, il racconto si dipana alternandosi alla voce narrante dell’attrice Maria Giulia Scarcella, alle animazioni disegnate dal vignettista Luca Ralli, e al piano jazz di Umberto Petrin. Venerdì 5 aprile in scena al Teatro del Fiume di Boretto (RE).

 


Apparat al PalaEstragon
Allo scorso Festival del Cinema di Venezia, Apparat ha vinto il premio per migliore colonna sonora del film Capri-Revolution. Che sia tecno elegiaca o ballate pop dall’orchestrazione profonda, il lavoro dell’artista teutonico mantiene una costante eleganza e un’attenzione spasmodica ai dettagli. Sabato 6 aprile è al PalaEstragon di Bologna per una serata già sold out.

 


Low al Teatro Antoniano di Bologna
Le atmosfere create durante le loro performance live appartengono a mondi lontani, possibili unicamente nei sogni. I Low si sono costruiti, con pazienza e gradualità, un seguito di culto tra i fan della scena slow-core americana e mondiale. E ora si godono i meritati sold out, come questo di sabato 6 aprile all’Antoniano di Bologna.

 


parma 360

Al via Parma 360 – Festival della Creatività Contemporanea
In vista delle celebrazioni di Parma Capitale italiana della Cultura 2020, prende il via sotto il segno di Leonardo, nell’anno che ne ricorda i 500 anni dalla scomparsa, la quarta edizione di Parma 360 Festival della creatività contemporanea, evento dedicato alle massime espressioni delle arti visive contemporanee e alla creatività giovanile. Il ricco palinsesto, dal titolo L’eredità creativa e tecnologica di Leonardo da Vinci, dal 6 aprile al 19 maggio propone al pubblico mostre ed eventi diffusi in città in luoghi istituzionali e privati, all’insegna della rigenerazione e della rifunzionalizzazione degli spazi urbani per un coinvolgimento attivo della cittadinanza e dei visitatori.

 


“Il costruttore Solness” al Teatro Ruggeri
Lunedì 8 aprile al Teatro Ruggeri di Guastalla (RE) va in scena “Il costruttore Solness” con Umberto Orsini e Lucia Lavia. Solness, anziano e affermato costruttore edile, è ostile ai giovani, da cui teme di essere soppiantato. La giovanissima Hilde bussa alla sua porta; gli ricorda un incontro e una promessa di dieci anni prima, fatta a lei, bimba, da lui al vertice del successo. Solness non rammenta ed è tormentato dal senso di colpa per un episodio all’origine della sua fortuna sociale, professionale ed economica, ma anche dell’infelicità sua e della moglie. Hilde gli offrirà un possibile riscatto… (foto compagniaorsini.it)

Il nuovo allestimento di “Serse” al Teatro Valli e altre cose che succedono questa settimana #13


“Il gabbiano” di Čechov nella versione del 1895. L’omaggio di Alice alla canzone d’autore italiana. Edda al Vibra. John Mayall a Parma. Il nuovo allestimento di “Serse” debutta al Teatro Valli. I Laibach alla Santeria di Milano. Massimo Zamboni porta “Anime galleggianti” a “Finalmente Domenica”. Le giornate conclusive di Impertinente – Festival del teatro di figura. C’è questo e molto altro da fare tra il 26 marzo e l’1 aprile 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


stefano benni

“La storia quasi vera di Stefano Benni” arriva nelle sale dell’Emilia Romagna
Dopo il debutto alla Festa del Cinema di Roma, la partecipazione all’undicesima edizione del Festival del Cinema Italiano di Madrid e alla selezione ai Nastri D’Argento, La storia quasi vera di Stefano Benni – Le avventure del lupo, film documentario di Enza Negroni, arriva nelle sale dell’Emilia Romagna. Martedì 26 marzo alle 21.15 al Cinema Nosadella sarà presentato dallo stesso Benni insieme all’autrice e ai produttori, poi il film sarà al Cinema Eden di Puianello (RE), alla Sala Truffaut di Modena, al Rosebud di Reggio Emilia, all’Astra di Parma, tra gli altri. 

 


Frank Carter & The Rattlesnakes in concerto al Locomotiv
Negli ultimi anni Frank Carter, l’ex frontman dei Gallows, non ha mai smesso di stupire e di dimostrare la sua creatività e il suo amore per la musica, arrivando a suonare sui palchi più prestigiosi d’Europa insieme ai suoi Rattesnakes, presente più volte al Reading&Leeds festival, al Download e a numerosi altri festival nostrani come l’Home Festival e il Firenze Rocks in apertura di band del calibro dei Foo Fighters & Biffy Clyro. Per gli amanti di un punk rock accessibile e non estremo. Martedì 26 marzo è al Locomotiv di Bologna.

 


Il Gabbiano

Per la prima volta in Italia “Il gabbiano” di Čechov nella versione del 1895
Martedì 26 marzo al Teatro Fabbri di Vignola (MO), per la prima volta in Italia, “Il gabbiano” viene rappresentato nella versione del 1895, quella precedente alla censura zarista, la cui traduzione è curata da Danilo Macrì. Primo dei quattro capolavori che Čechov scrisse per il palcoscenico, “Il gabbiano” è un dramma delle illusioni perdute: nelle angosce, nei turbamenti, nelle sconfitte dei suoi protagonisti, c’è tutta la complessità dell’uomo moderno. Alla regia troviamo il bravo Marco Sciaccaluga. In replica a Modena (Teatro Storchi) dal 28 al 31 marzo.

 


alice

L’omaggio di Alice alla canzone d’autore italiana
Alice ha sempre avuto una classe incredibile, quindi, come non omaggiarla in questa data bolognese, mercoledì 27 marzo al Teatro Celebrazioni? Il concerto è un omaggio alla grande canzone d’autore italiana, tra l’amatissimo Battiato, passando da Dalla, De André, De Gregori, Fossati, Gaber, Guccini, Giuni Russo. Tutti e tutto visti dalla lente elegante ed eterea della bravissima interprete forlivese. (foto dal servizio di C.Paesani e F. Francescangeli)

 


Edda al Vibra
Dopo la scorsa settimana a Bologna, venerdì 29 marzo al Vibra di Modena torna Edda, e noi lo risegnaliamo, ché lo merita. Da un mesetto è uscito il quinto disco solista dell’ex storica voce (e che voce) dei Ritmo Tribale. Il disco s’intitola “Fru fru”, dove l’artista milanese sembra scegliere la via della canzone leggera e tendenzialmente melodica. Con il suo talento, può fare ciò che vuole.

 


A Parma arriva il John Mayall 85th Anniversary Tour
Per oltre 50 anni, John Mayall è stato pioniere della musica blues, guadagnandosi il titolo di The Godfather of British Blues. Nel 2013 ha firmato con l’etichetta del produttore discografico Eric Corne, la Forty Below Records, e da allora ha vissuto una vera rinascita artistica, inclusa l’introduzione del suo nome nella Blues Hall of Fame avvenuta nel 2015. Il tour che venerdì 29 marzo porta John Mayall al Campus Industry Music di Parma s’intitola 85th Anniversary. Eh sì, questo signore ha 85 primavere ed è lì che slega come non mai. Hats off!

 


Serse

Il nuovo allestimento di “Serse” debutta al Teatro Valli
Venerdì 29 marzo debutto al Teatro Valli per questo nuovo allestimento dell’opera di Georg Friedrich Händel, “Serse”. Lo spettacolo è realizzato nella parte musicale da Ottavio Dantone e dalla sua Accademia Bizantina, la regia è firmata da Gabriele Vacis. Nel ruolo en travesti del titolo, Arianna Vendittelli, interprete specializzata nel repertorio barocco. In replica domenica 31 marzo. (foto di Alfredo Anceschi)

 


cyborg zero

Cyborg Zero in concerto al Mattatoio
C’erano una volta The Cyborgs. Ora ci sono i Cyborg Zero e pare che il suono sia tornato quello forsennato e punk degli inizi. Ci piace! Sabato 30 marzo al Mattatoio di Carpi (MO) in apertura di concerto ci sono Two Hicks One Cityman, una band che è una sorta di visione distopica della musica a cavallo ‘80 e ‘90, come se il grunge non fosse mai esistito.

 


Natalino Balasso

“Velodimaya” con Natalino Balasso al Teatro Michelangelo
Come possiamo raccontare i drammi del contemporaneo senza cedere allo sconforto? Solo il teatro può farlo, attraverso la commedia, attraverso l’arte della risata. “Velodimaya” con Natalino Balasso, sabato 30 marzo al Teatro Michelangelo di Modena, è una specie di mappa del pensiero contemporaneo, attraverso un tempo indefinito, nel vortice degli uomini e delle nazioni. Le nazioni moderne non sono nazioni, sono affari. E in tutta questa compravendita, qual è la verità? Sempre profondo e divertente, Balasso. 

 


I Laibach alla Santeria di Milano
Domenica 31 marzo alla Santeria di Milano arriva un gruppo storico, gli sloveni Laibach (versione tedesca di Lubiana). Da anni propinano il loro genere industriale/marziale, che spesso sfiora il ridicolo, ma che non ti fa mai staccare dallo stereo o dalle cuffie. The Sound Of Music Tour ha un legame stretto con l’invito nel 2015 a esibirsi in concerto in Corea del Nord, primo gruppo occidentale, un fatto storico, di portata culturale enorme e bizzarra. “The Sound Of Music” è l’album che rappresenta il culmine di quell’esperienza: brani dalla colonna sonora di “Tutti Insieme Appassionatamente” (il titolo italiano di “The Sound Of Music”…), l’inno nazionale non ufficiale delle Coree, musica popolare e molto altro vengono filtrate dall’arte di uno dei più originali e controversi gruppo di sempre.

 


Il senso della vita di Emma

“Il senso della vita di Emma” al Teatro Herberia
“Il senso della vita di Emma”, di Fausto Paravidino, delinea l’epopea di una famiglia che va dagli anni Sessanta – quando i genitori di Emma si conoscono – fino ai giorni nostri. Una fitta rete di relazioni tra due famiglie di amici tracciano l’affresco di alcuni decenni di vita italiana, quelli in cui è nata e cresciuta la Generazione X. Il tratto pungente e affilato con cui Paravidino modella i personaggi attraverso i dialoghi dà vita a un racconto che parla di arte, relazioni, politica, ecologia, scelte, delineando abilmente tre storie di donne. Domenica 31 marzo in scena al Teatro Herberia di Rubiera (RE).

 


L'istruttoria

Al Teatro Due ritorna “L’Istruttoria”
“L’Istruttoria”, capolavoro del teatro documentario europeo composta da Peter Weiss attingendo alle deposizioni processuali dei testimoni e dei sopravvissuti di Auschwitz, nel 1984 è stata messa in scena dal Teatro Due di Parma diretta da Gigi Dall’Aglio. Un allestimento divenuto un cult teatrale che ha conosciuto importanti tournée in Italia e all’estero e che, da oltre
trent’anni, torna sul palco del Teatro Due il 22, 23, 24, 28, 30, 31 marzo e il 5, 6, 7 aprile.

 


Massimo Zamboni porta “Anime galleggianti” a “Finalmente Domenica”
Due musicisti, una zattera e un canale che collega Mantova al Delta del Po, attraversando i campi della pianura padana. Massimo Zamboni mette in scena il racconto acustico del viaggio compiuto assieme a Vasco Brondi/Le luci della centrale elettrica sulle acque magiche e surreali del Tartaro, uno dei tanti canali che solcano la pianura nella zona del Polesine. “Anime galleggianti. Dalla pianura al mare tagliando per i campi” domenica 31 marzo alle 11 arriva alla Sala degli Specchi del Teatro Valli per “Finalmente Domenica” con Massimo Zamboni, voce e chitarra, e il filmato di Piergiorgio Casotti. 

 


Festival Internazionale Teatro Lab

Festival Internazionale Teatro Lab al Teatro di Novellara
“Differenze”: ecco il tema della X edizione del Festival Internazionale Teatro Lab, tra i più importanti (tra quelli per le scuole) a livello nazionale e internazionale. Dal 31 marzo al 13 aprile il teatro di Novellara ospita studenti provenienti da tutta Italia e da alcuni paesi della comunità Europea. Le assi del palcoscenico verranno calcati da giovani desiderosi di raccontare e raccontarsi attraverso spettacoli che trasformeranno il teatro, la rocca e tutta la cittadina in un luogo di creatività, dove respirare e vivere la bellezza in tutte le sue forme e le sue differenze.

 


Dave Matthews Band in tour
Come definire la Dave Matthews Band? Rock? Jazz? Fusion? Folk rock? Funk rock? Pop rock? Soft rock? Alternative rock? Queste in realtà sono alcune delle categorie in cui la critica negli anni ha provato ad inserire questa band di virtuosi, che soprattutto live ha costruito la sua fama. Si dice che non ci sono mai due live della DMB che si somigliano tra loro. Se voleste controllare, sono in concerto sabato 30 marzo al Gran Teatro Geox di Padova, lunedì 1 aprile all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO) e mercoledì 3 aprile al Mediolanum Forum di Assago (MI).

 


Enter Shikari all’Alcatraz di Milano
Punk, hardcore, sintetizzatori, ritmo e semplicità è quello che Enter Shikari sanno fare molto bene dal 2003, ovvero l’anno della loro nascita. Un paio di anni fa erano sul palco dell’Alcatraz per celebrare i 10 anni di “Take To The Skies”: il disco che li ha portati nell’Olimpo della musica innovativa ed alternativa. Ora tornano con il nuovo album “The Spark”. Lunedì 1 aprile li ritroviamo all’Alcatraz di Milano. Tutti pronti a saltare sotto il palco!

 


venti contrari

Le giornate conclusive di Impertinente – Festival del teatro di figura
Fino al 31 marzo a Parma è in programma la sesta edizione di Impertinente – Festival del teatro di figura: un calendario di spettacoli con artisti italiani e internazionali diviso in due sezioni, per un pubblico adulto e per le famiglie, e un focus di incontri con i maestri e studi di nuovi spettacoli creati da giovani artisti.  

 

La Giornata Mondiale della Poesia, Impertinente, Willie Peyote e altre cose che succedono questa settimana #12


La prima italiana di “Nomad” di Sidi Larbi Cherkaoui al Teatro Ariosto. Edda al Locomotiv. Leonidas Kavakos ed Enrico Pace al Teatro Valli. Le letture nei bar e nelle osterie per la Giornata Mondiale della Poesia. Willie Peyote a Cantautori su Marte. Terence Blanchard And The E-collective a Piacenza Jazz. “Mistero Buffo” al Teatro De André. La sesta edizione di “Impertinente – Festival del teatro di figura”, a Parma. C’è questo e molto altro da fare tra il 19 e il 25 marzo 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


La prima italiana di “Nomad” di Sidi Larbi Cherkaoui al Teatro Ariosto
Martedì 19 marzo al Teatro Ariosto di Reggio Emilia va in scena in prima italiana “Nomad”. Traendo ispirazione dal deserto come luogo di libertà e isolamento, l’acclamato coreografo belga Sidi Larbi Cherkaoui disegna un mosaico a partire dai suoi elementi animati e inanimati. Lo spettacolo vede in parte la musica dal vivo di Kaspy N’dia, artista congolese, in parte la musica ispirata al Medioriente di Felix Buxton (del gruppo Basement Jaxx). I costumi sono del fashion designer Jan-Jan Van Essche e si ispirano alla ricchezza dei tessuti che gli abitanti del deserto indossano per ripararsi dal caldo. Una grande immagine di deserto riempie il fondo del palco: una terra desolata che è assieme metafora di libertà estrema, ma anche dell’impossibilità di sopravvivere.
Cresciuto nelle fila di Alain Platel / les ballets C de la B, Sidi Larbi Cherkaoui, dopo gli studi alla scuola P.A.R.T.S. di Anne Teresa De Keersmaeker, ha intrapreso una prolifica carriera di coreografo ottenendo due Laurence Olivier Award for Best New Dance Production, tre Ballet Tanz Awards come miglior coreografo (2008, 2011, 2017) e il KAIROS Prize (2009).

 


Khalif “Wailin” Walter in concerto alla Cantina Garibaldi
Khalif “Wailin” Walter ha illuminato la scena musicale blues di Chicago con il suo stile unico di funky boogie rockin’ blues. Nel corso della sua carriera ha accompagnato musicalmente la figlia di BB KING, Shirley King, ed è apparso sul palco con giganti del blues internazionale come: Taj Mahal, Otis Rush, The Jimmie Vaughan band, Buddy Guy Band, Junior Wells, Bernard Allison, Billy Branch,Sugar Blue, Toronzo Cannon, Tommy Castro, Larry MacCray, Paul Lamb, Tad Robinson e Keith Dunn. Martedì 19 marzo è alla Cantina Garibaldi di Puianello (RE).

 


Edda al Locomotiv
Da qualche giorno è uscito un suo singolo nuovo, che si chiama “E se”. Un singolo molto bello. Edda, al secolo Stefano Rampoldi, difficilmente scrive cose banali, forse anche perché con quella voce striderebbe un po’, scrivere cose banali. Insomma, se volete uscire dalla banalità, giovedì 21 marzo al Locomotiv di Bologna ne avete la possibilità.

 


kavakos pace

Leonidas Kavakos ed Enrico Pace al Teatro Valli
Un programma eterogeneo e stimolante, questo proposto da Leonidas Kavakos (violino) ed Enrico Pace (pianoforte), giovedì 21 marzo al Teatro Valli di Reggio Emilia. Si va dal pieno Romanticismo brahmsiano, con la Sonata n. 3 in re minore op. 108, allo stile tonale e dodecafonico del greco Nikos Skalkottas e la sua Petite Suite n. 2, all’etnomusicologia di Bartok (Rapsodia n. 1 per vl. e pf., BB 94a, SZ 86), al virtuosismo dissonante e un po’ tzigano della Sonata n. 3 in la minore op. 25 di George Enescu.

 


giornata della poesia

Le letture di versi in bar, osterie ed enoteche per la Giornata Mondiale della Poesia
In occasione della Giornata Mondiale della Poesia, giovedì 21 marzo, il Poesia Festival propone letture di versi – a cura di poeti, docenti e scrittori – in numerosi bar, osterie ed enoteche dei nove comuni della provincia di Modena coinvolti nella manifestazione che, quest’anno in settembre, giungerà alla sua quindicesima edizione. Tra gli appuntamenti, al Bar Sport di Marano sul Panaro letture a cura di Marco Bini, Enrico Trebbi, con Ivan Valentini al sax e all’Osteria del 32 di Spilamberto leggono Kabir Yusuf Abukar, Gabriele Vezzani e Andrea Gibellini. Tutte le letture inizieranno alle 18, alle 18.30 ci sarà un brindisi collettivo alla poesia. Alle 21 alla Biblioteca di Vignola prende il via il laboratorio di lettura poetica “Voci da Spoon River”, condotto da Maurizio Cardillo e a seguire una rivisitazione in chiave alt-folk di “Non al denaro non all’amore né al cielo” con Antonio Tavoni, voce e chitarra, Enrico Pasini, tromba e armonium.

 


Joe Jackson presenta il nuovo album all’Auditorium Manzoni
Sempre un grande piacere rivedere Joe Jackson, vero e proprio genio anticonformista e raffinato della musica internazionale. Apprezzato e seguito in tutto il mondo, poliedrico come pochi suoi colleghi, l’artista britannico presenta il nuovo album, “Fast Forward”, che segna il ritorno alla scrittura “pop” dopo anni di esperimenti, live e contaminazioni. In concerto giovedì 21 marzo all’Auditorium Manzoni di Bologna.

 


Willie Peyote a Cantautori su Marte
Giovedì 21 marzo a La Tenda di Modena nuovo appuntamento con Cantautori su Marte, rassegna tra parole e musica, per fare il punto sulla canzone d’autore oggi. Ospite della serata è il rapper Willie Peyote che risponderà alle domande di Francesco Locane. Opening act, Il Barone Lamberto.

 


Volodos al Teatro Regio con Schubert, Rachmaninov e Skrjabi
Grande serata giovedì 21 marzo al Teatro Regio di Parma con il concerto del pianista Volodos, considerato l’erede di Horowitz, per la sua strabiliante abilità tecnica e la sua capacità nei brani notoriamente difficili. Non per caso è noto per il suo repertorio virtuosistico, essendo uno dei più grandi interpreti dei brani di Liszt e di Rachmaninov. E proprio Rachmaninov è inserito nel programma odierno eseguito dal pianista di San Pietroburgo, assieme a lavori del conterraneo Aleksandr Skrjabin e di Franz Schubert.

 


Xiu Xiu al Covo
Venerdì 22 marzo al Covo di Bologna arrivano gli Xiu Xiu. Dal 2002, un flusso incessante di uscite, side projects e tournée internazionali: nel tempo la musica del progetto di Jamie Stewart è riuscita a virare da un “rovinato” avant-pop a un rock abilmente orchestrato, sempre servito con una livida onestà e una totale intensità che da sempre strappano il cuore a una legione di ascoltatori ossessivi. 

 


Gli Hooverhonic al Vox per presentare il nuovo album
Attivi da oltre vent’anni sulla scena dream e ambient pop, con molti tocchi di trip hop, venerdì 22 marzo arrivano al Vox di Nonantola (MO) i fiamminghi Hooverphonic, che presentano per l’occasione il nuovo album “Looking for stars”. In Belgio sono delle vere e proprie star, mentre qui da noi ebbero un buon momento all’inizio del millennio, con l’album “The magnificent tree”. Per chi ama una musica d’ambiente e di classe, un concerto da non mancare.

 


gianluca petrella

Gianluca Petrella Trio 70’s feat. John De Leo a La Tenda
Venerdì 22 marzo a La Tenda di Modena sale sul palco il Trio 70’s del trombonista Gianluca Petrella, progetto che parte da un viaggio indietro nel tempo tra tinte acide e sonorità funk per sfociare nella contemporaneità. Per l’occasione, sale sul palco della Tenda anche John De Leo che con la sua voce-strumento è uno degli artisti più interessanti nel campo della sperimentazione musicale nazionale.

 


L'istruttoria

Al Teatro Due ritorna “L’Istruttoria”
“L’Istruttoria”, capolavoro del teatro documentario europeo composta da Peter Weiss attingendo alle deposizioni processuali dei testimoni e dei sopravvissuti di Auschwitz, nel 1984 è stata messa in scena dal Teatro Due di Parma diretta da Gigi Dall’Aglio. Un allestimento divenuto un cult teatrale che ha conosciuto importanti tournée in Italia e all’estero e che, da oltre
trent’anni, torna sul palco del Teatro Due il 22, 23, 24, 28, 30, 31 marzo e il 5, 6, 7 aprile.

 


I Camillas all’Off di Modena
Divertimento assicurato sabato 23 marzo all’Off di Modena con I Camillas. Divertimento ma anche genialità sparsa a piene mani, perché il gruppo di Pesaro (o di Pordenone) ha il difetto di essere geniale. E a noi che piacciono i difetti ci sembra un pregio eccezionale. In apertura, Francesco De Leo.

 


Terence Blanchard And The E-collective a Piacenza Jazz
Sabato 23 marzo il trombettista e compositore americano Terence Blanchard arriva a Piacenza Jazz, assieme a un quintetto di comprimari di grande livello chiamato E-Collective, con cui lavora in forte sintonia da anni. Nato a New Orleans all’inizio degli anni ’60, vincitore di 5 Grammy, Terence Blanchard è una delle principali forze creative sulla scena jazz contemporanea. A partire dagli anni Novanta ha composto oltre quaranta colonne sonore, per la maggior parte in stretta collaborazione con il regista Spike Lee, diventando il più prolifico artista jazz che lavora nel Cinema. Il concerto è nella Sala degli Arazzi presso la Galleria Alberoni.

 


mistero buffo

“Mistero Buffo” al Teatro De André
Sabato 23 marzo al Teatro De André va in scena la riproposizione di “Mistero Buffo” di Dario Fo. Eugenio Allegri dirige Mathias Martelli portando sul palco un singolo attore, senza trucchi, che utilizza un linguaggio e un’interpretazione nuova ed originale nel segno della tradizione di un genere usato dai giullari medievali, per capovolgere l’ideologia trionfante del tempo dimostrandone l’infondatezza. Irresistibile.

 


Birdie

A Parma la sesta edizione di Impertinente – Festival del teatro di figura
Da sabato 23 fino al 31 marzo a Parma arriva la sesta edizione di Impertinente – Festival del teatro di figura: un calendario di spettacoli con artisti italiani e internazionali diviso in due sezioni, per un pubblico adulto e per le famiglie, e un focus di incontri con i maestri e studi di nuovi spettacoli creati da giovani artisti. Sabato 23 marzo al Teatro al Parco Impertinente apre con “Birdie” di Agrupación Señor Serrano, presentato in prima regionale, che racconta con migliaia di modellini in miniatura e riprese video live le contraddizioni del presente e fa riflettere sui trucchi con cui vengono costruite le immagini che ci circondano. (foto di Pasqual Gorriz).

 


vittorino andreoli

Vittorino Andreoli presenta “Il rumore delle parole” a Modena
Domenica 24 marzo alle 17 al Forum Guido Monzani di Modena il celebre psichiatra e scrittore veronese presenta “Il rumore delle parole”, un libro dove mette in scena una specie di teatro della verità, a tratti autobiografico. Smaschera i pregiudizi del nostro tempo, che considera la vecchiaia come l’età della vergogna. Dimenticando che la fragilità del vecchio è la rappresentazione della condizione umana, del significato stesso dell’uomo nel mondo.

 


(nella foto in evidenza, “Fiabe da tavolo III“, in scena domenica 24 marzo ad Impertinente)

Fabio Cinti, Dutch Nazari, Immanuel Casto e altre cose che succedono questa settimana #11


Peter, Bjorn & John al Locomotiv. Alessandro Bergonzoni al Teatro Ariosto. Il concerto tributo a “La voce del Padrone” di Fabio Cinti all’Altro Teatro. Dutch Nazari all’anteprima di Garden Fest a Viadana. Immanuel Casto è alla Ghirba per un incontro sul bullismo. Fatboy Slim ai Magazzini Generali. Luca Zingaretti legge “La Sirena” al Teatro Comunale di Carpi. C’è questo e molto altro da fare tra il 12 e il 18 marzo 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


HIKIKOMORI

“Hikikomori” in scena al Teatro Due
Martedì 12 marzo al Teatro Due di Parma va in scena “Hikikomori” con Gian Marco Pellecchia e Laura Cleri. Nel fenomeno sociale che in Giappone è conosciuto con il nome hikikomori rientrano tutti quei soggetti, per lo più maschi adolescenti, che rifiutano ogni tipo di rapporto con il mondo esterno e la società diventa loro completamente estranea. Chiusi nella loro stanza per mesi, anni in alcuni casi, vivono in completo isolamento e abbandono. Casi del genere stanno aumentando anche in Europa e nel nostro paese. Spettacolo da vedere. (foto di Michele Lamanna)

 


Wooden Shjips e Pontiak al Bronson
Serata statunitense mercoledì 13 marzo al Bronson Madonna dell’Albero (RA) con la psichedelia contemporanea dei Wooden Shjips – che stanno ancora portando in tour il loro album “V”, uscito lo scorso anno – ed i Pontiak dei tre fratelli Carney, con il loro caratteristico hard southern rock in salsa stoner, un po’ à la Black Crowes.

 


Peter, Bjorn & John al Locomotiv
Sarebbe potuta bastare una hit come “Young Folks”, per santificare una carriera.
E invece il trio svedese Peter, Bjorn & John non è solo quel singolo monstre e lo dimostra anche quest’ultimo album, “Darker days”, ottavo lavoro in studio, sempre un po’ oscuro ma diretto. Forse il loro punto forte, in effetti. Giovedì 14 marzo sul palco del Locomotiv di Bologna.

 


Trascendi e sali

Alessandro Bergonzoni al Teatro Ariosto con “Trascendi e sali”
Con lo sguardo visionario che va oltre i confini noti e addentrandosi a volte in ambiti molto complessi, grazie ad una comicità tutt’altro che scontata riesce a sorprendere, incantare e divertire lo spettatore,ponendolo spesso di fronte ad incalzanti dubbi esistenziali. Alessandro Bergonzoni, semplicemente necessario. In scena giovedì 14 e venerdì 15 marzo al Teatro Ariosto di Reggio Emilia con “Trascendi e sali”. (foto di Riccardo Rodolfi)

 


Fabio Cinti, il concerto tributo a “La voce del Padrone” all’Altro Teatro
Sul palco dell’Altro Teatro di Cadelbosco di Sopra (RE) venerdì 15 marzo sale Fabio Cinti con “La voce del Padrone – Un adattamento gentile”, concerto tributo all’album capolavoro di Franco Battiato per pianoforte e quartetto d’archi. Racconta, tra l’altro, Fabio Cinti, nel presentare il suo show: «…un omaggio all’eccellenza giocato ironicamente sulla scomposizione, sulla presenza e sull’assenza, sullo spostamento, cercando di rispettare e rinnovare la volontà di sorpresa, il piccolo shock che toccò il cuore degli italiani». (foto in evidenza di Piero Martinello)

 


Dutch Nazari all’anteprima di Garden Fest a Viadana
Tra beats e poesia, impegno politico e romanticismo, Dutch Nazari è uno dei pochi artisti italiani che riesce a immergere il cantautorato nel sound contemporaneo. “Ce lo chiede l’Europa” è il nuovo album pubblicato lo scorso novembre ed il Tour Europeo in Italia fa tappa venerdì 15 marzo alla Rotonda Giardini di Viadana (MN) per l’anteprima del Garden Fest. TIPO è media partner della serata.

 


Fatboy Slim ai Magazzini Generali
Dalla spiagge di Brighton passando per quelle di Rio, fino alla performance sulla Muraglia Cinese. Questi sono solo alcune tra le più suggestive location dove si è esibito Fatboy Slim, uno che porta energia in giro da più di vent’anni. E infatti, a proposito di vent’anni, quest’anno si festeggia il ventennale del suo capolavoro, “You’ve come a long way, baby”. Ci aspettiamo una gran mossa, venerdì 15 marzo ai Magazzini Generali di Milano.

 


Al Covo arrivano gli Oneida
Sempre in pista, sempre geniali, gli Oneida. Venerdì 15 marzo al Covo di Bologna la band newyorkese presenta il nuovo lavoro, “Romance”, pieno di psichedelia, sperimentazione, kraut rock, garage ed elettronica, in piena padronanza dell’improvvisazione collettiva, del songwriting, della composizione complessa e di tutto quello che significa fare musica.

 


immanuel casto

Immanuel Casto, un incontro sul bullismo alla Ghirba
In Italia un adolescente su due subisce episodi di bullismo. Il suicidio è la seconda causa di morte tra gli adolescenti, a livello mondiale. Arcigay Gioconda e Circolo Darwin hanno chiamato Immanuel Casto, artista poliedrico e membro del Mensa Italia, per affrontare il tema e provare a dare delle risposte per sconfiggere questi comportamenti scorretti. L’appuntamento è venerdì 15 marzo alla Ghirba di Reggio Emilia.

 


luca zingaretti

Luca Zingaretti legge “La Sirena” al Teatro Comunale di Carpi
Luca Zingaretti dal 15 al 17 marzo al Teatro Comunale di Carpi (MO) legge “La Sirena”. Tratta dal racconto “Lighea” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, è «…un immaginario viaggio, geografico e temporale tra il Nord e il Sud, attraverso cui emerge un mondo costruito sulla passione e l’estasi», racconta Zingaretti che aggiunge: «Considero la novella come una fiaba per adulti, dove mondo reale e fantastico si mischiano mirabilmente senza entrare mai in conflitto e anzi costruendo una realtà più dolce e consolatoria a cui il lettore e, nel nostro caso lo spettatore, si concede con grande abbandono».

 


The Limiñanas, unica data italiana al Covo
Una coppia e una band. Marie (batteria, voce) e Lionel (chitarra, basso, tastiere e voce). Il duo di Perpignan cavalca il confine tra psych, shoegaze e yé-yé. Con nebbiosi riverberi, combinati a volte con una distorsione clamorosa e fronteggiati da voci disinvoltamente cool che ricordano Serge Gainsbourg e Brigitte Bardot, la band è allo stesso tempo senza tempo e per antonomasia francese. Dal vivo sabato 16 marzo al Covo di Bologna per l’unica data italiana.

 


Yann Tiersen presenta il nuovo album all’Auditorium Manzoni
All’Auditorium Manzoni di Bologna domenica 17 marzo arriva Yann Tiersen, uno dei più importanti e prolifici compositori della nostra epoca. Abile polistrumentista di formazione classica e con interessi in ambito rock ed elettronico, passa dalle composizioni classic-folk in chiave minimalista delle origini al successo planetario delle colonne sonore, smarcandosi infine dagli esordi per assecondare le recenti pulsioni sperimentali. Da qualche giorno è uscito il nuovo album, “All”.

 


Il lunghissimo tour di Florence + The Machine fa tappa a Bologna
Fra gli esponenti di maggiore rilievo nella scena alternative rock a partire dagli anni duemiladieci, i Florence + The Machine si distinguono soprattutto per la realizzazione di progetti musicali dalla produzione complessa ed eccentrica oltre che per la personalità carismatica e l’intensità vocale della front woman nonché fondatrice Florence Welch, spesso vista come la nuova Siouxsie. Il gruppo arriva in Italia durante un lunghissimo tour a presentazione di “High as Hope”, album uscito ormai quasi un anno fa, e domenica 17 marzo fa tappa all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO). Special guest, Young Fathers.

 


chiara gamberale

Chiara Gamberale presenta il suo nuovo romanzo al Forum Monzani
Chiara Gamberale domenica 17 marzo alle 17 al Forum Monzani di Modena presenta il suo nuovo libro in dialogo con Roberta Giani. “L’isola dell’abbandono”, questo il titolo, è un romanzo sulla paura di perdere il controllo sulla nostra esistenza e sulla necessità che però abbiamo di farlo, tutti, almeno una volta, fino a considerare l’abbandono come una straordinaria occasione per ritrovarci e capire finalmente chi siamo. 

 


Jon Spencer & The Hitmakers  a Bologna
Il leggendario Jon Spencer torna dal vivo in Italia con una band rivoluzionaria: The Hitmakers: Sam Coomes (Quasi, Heatmeiser), M. Sord (M. Sord), Bob Bert (Pussy Galore, Sonic Youth). Tenetevi forti che lunedì 18 marzo i muri del Locomotiv tremeranno.

The Telescopes e altre cose che succedono domenica 10 marzo


La giornata di chiusura di VIE festival e Atlas of Transitions, Extraliscio ed Ermanno Cavazzoni inaugurano il programma dell’Altro Suono, The Telescopes sono dal vivo al WoPa. C’è questo e altro da fare domenica 10 e lunedì 11 marzo 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


The Telescopes al WoPa
The Telescopes sono ancora e sempre “alive&kicking” e lo dimostra l’uscita del nuovo album, “Exploding Head Syndrome”, che ha ricevuto già critiche di riguardo. Il gruppo dello Staffordshire avanza imperterrito nei territori space rock e shoegazing, talmente vasti da non conoscere confini. Domenica 10 marzo salgono sul palco del WoPa di Parma. (foto in evidenza, credit Tapete Records)

 


Failing to Levitate in My Studio

La giornata di chiusura di VIE festival
In Emilia e in Romagna prosegue fino al 10 marzo VIE festival, uno dei più importanti appuntamenti dedicati alla scena contemporanea internazionale, giunto quest’anno alla quattordicesima edizione. A Modena, Bologna, Carpi, Vignola, Cesena e Castelfranco Emilia in scena venti artisti da tutto il mondo, molti con spettacoli in prima nazionale. Tra gli spettacoli in programma nelle giornate conclusive, Fanny & Alexander presenta la performance / reading itinerante “Se questo è Levi” a Carpi (9 e 10 marzo) in occasione del centenario della nascita di Primo Levi; uno spaccato della scena teatrale greca, in piena rinascita, con la prima nazionale di “Failing to Levitate in My Studio” (foto), il lavoro di Dimitris Kourtakis, che dirige Aris Servetalis, considerato uno degli attori più talentuosi nel panorama teatrale e cinematografico europeo (9 e 10 marzo al Teatro Storchi di Modena) e per la prima volta in Italia “Strange Tales”, uno spettacolo visionario e multimediale basato sui testi e le poesie di Edgar Allan Poe (9 e 10 marzo al Teatro delle Passioni di Modena).

 


L’Altro Suono al via con l’accoppiata Extraliscio / Ermanno Cavazzoni
L’edizione 2019 di L’Altro Suono prende il via al Teatro Comunale Pavarotti di Modena il 10 marzo alle 18 con l’accoppiata clamorosa Extraliscio/Ermanno Cavazzoni; il 9 aprile sale sul palco il Portogallo eterno quanto personale di Teresa Salgueiro, ex cantante dei Madredeus; il 10 maggio vede protagonista la cornamusa elettronica dell’iberico Hevia; il 13 maggio spazio alla IV edizione del talent Rock all’Opera; presso la chiesa di San Barnaba, il 17 maggio, si esibisce l’Elements Trio. Infine, il 18 maggio, presso l’Auditorium Marco Biagi, omaggio a Ornette Coleman di Jamaaladeen Tacuma, bassista americano e storico collaboratore dell’icona del free jazz. (foto in evidenza di Manuel Palmieri)

 


Atlas of Transitions

Al femminile e aperto alle comunità straniere, a Bologna Atlas of Transitions
Atlas è la prima vertebra della colonna vertebrale: sorregge il peso del cranio e ne permette la mobilità. Intelligenza e movimento… questa immagine perfetta deve avere ispirato i creatori “Atlas of Transitions”, il progetto di cooperazione europea promosso da Emilia Romagna Teatro Fondazione. Dopo il successo del 2018, la manifestazione porta a Bologna dal 1 al 10 marzo un programma di eventi – ricchissimo e inedito, al femminile e aperto a comunità straniere e “seconde generazioni” – dal titolo “Home”: qualcosa in cui sentirsi a proprio agio, da condividere e ricercare o da cui fuggire. In programma gli interventi di artiste-attiviste provenienti da Africa, America, Europa, Medio Oriente e teatro, musica, incontri, proiezioni, conferenze, workshop che coinvolgeranno tutta la città. Davvero… un mondo! (a.z.)


White Lies al Pala Estragon
Dopo aver girato il mondo, suonando nelle venue più importanti e aggiudicandosi un posto fisso nella line up dei migliori festival internazionali, sono pronti a tornare sul palco per stupire nuovamente il pubblico italiano i White Lies, la band indie rock inglese tra le più rappresentative del genere nel panorama musicale globale. Non perdete dunque l’occasione di ascoltarli dal vivo, lunedì 11 marzo al Pala Estragon, visto che i WL sprigionano adrenalina à go-go.

 

Officina del Battagliero e altre cose che succedono questo fine settimana #10


“Macbettu” di Alessandro Serra al Teatro Cavallerizza, Elio Germano al Teatro Asioli di Correggio, l’Officina del Battagliero al Teatro De André, Extraliscio ed Ermanno Cavazzoni inaugurano il programma dell’Altro Suono, The Telescopes al WoPa, le giornate conclusive di VIE festival e Atlas of Transitions. C’è questo e molto altro da fare tra il 5 e l’11 marzo 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


Macbettu

“Macbettu”, il pluripremiato spettacolo di Alessandro Serra a Reggio Emilia
Il Macbeth di Shakespeare recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. Lo spettacolo di Alessandro Serra, vincitore del premio Ubu 2017 come Spettacolo dell’anno e del Premio della Critica Teatrale conferito dall’Associazione Nazionale Critici di Teatro, andrà in scena al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia dal 6 al 9 marzo. “Macbettu” s’incunea in un crocevia: da un lato le intuizioni geniali del Macbeth di Shakespeare, dall’altra l’ispirazione del regista di fronte al Carnevale barbaricino. Della vicenda scespiriana si recupera l’universalità e la pienezza di sentimenti, millimetricamente in bilico sul punto di deflagrare.

 


“La mia battaglia”, la pièce scritta e interpretata da Elio Germano
Con “La mia battaglia” Elio Germano debutta nella scrittura realizzando una pièce provocatoria che suggerisce una lettura sociale dell’attualità, delle paure e dei sentimenti ostili che percorrono la società di oggi. Non lavora solo, ma con il grande apporto di Chiara Lagani, pluripremiata attrice e drammaturga, fondatrice della compagnia ravennate Fanny&Alexander. In scena giovedì 7 marzo all’Arena del Sole di Roccabianca (PR), dove i biglietti sono esauriti, e l’8 e il 9 marzo al Teatro Asioli di Correggio (RE).

 


Wild Nothing al Covo
A due anni da “Life in Pause”, ritorna il dream pop dei Wild Nothing con un nuovo album, “Indigo”. Il lavoro sembra segnare un ritorno alla freschezza e spontaneità dell’album di debutto del 2010, “Gemini”, e dall’altro invece raggiunge il culmine delle altezze toccate, delle strade percorse e delle lezioni apprese durante la creazione dei lavori seguenti, “Nocturne” e “Life of Pause”. Sabato 9 marzo dal vivo al Covo di Bologna. In apertura, Felpa.

 


“Alla Pattacini”, l’Officina del Battagliero al Teatro De André
Un omaggio musicale per ricordare i 110 anni della nascita e i 40 della morte di Tienno Pattacini e per festeggiare gli 85 compleanni del Battagliero, il valzer più amato e ballato da tutti gli appassionati del genere. Sabato 9 marzo al Teatro De André di Casalgrande (RE) arriva l’Officina del Battagliero. Vai col liscio e dai d’é gas!

 


La chitarra classica di Frank Bungarten al MAST
Sabato 9 marzo Frank Bungarten è in concerto al MAST di Bologna. In programma musiche di John Dowland, Johann Sebastian Bach, Emilio Pujol e Joaquin Rodrigo. Bungarten è un chitarrista classico nato a Colonia (Germania) nel 1958. Nel 1981 ha ricevuto da Andrés Segovia il primo premio al Concorso di chitarra di Granada. Da allora si è esibito in oltre 40 paesi in tutto il mondo. Ha vinto due Echo Awards per la sua straordinaria versatilità stilistica nella chitarra classica e nel 2018 gli è stato assegnato il premio Opus Klassik come miglior strumentista dell’anno in Germania. Do you want more? Go to his concert then!

 


“La Merda” al Teatro del Cerchio
“La Merda” – in scena sabato 9 marzo al Teatro del Cerchio di Parma – si manifesta come la rivoltante confidenza pubblica di una “giovane” donna “brutta” che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà. È già stato detto, ma lo ripetiamo: straordinaria Silvia Gallerano.

 


L’Altro Suono al via con l’accoppiata Extraliscio / Ermanno Cavazzoni
L’edizione 2019 di L’Altro Suono prende il via al Teatro Comunale Pavarotti di Modena il 10 marzo con l’accoppiata clamorosa Extraliscio/Ermanno Cavazzoni; il 9 aprile sale sul palco il Portogallo eterno quanto personale di Teresa Salgueiro, ex cantante dei Madredeus; il 10 maggio vede protagonista la cornamusa elettronica dell’iberico Hevia; il 13 maggio spazio alla IV edizione del talent Rock all’Opera; presso la chiesa di San Barnaba, il 17 maggio, si esibisce l’Elements Trio. Infine, il 18 maggio, presso l’Auditorium Marco Biagi, omaggio a Ornette Coleman di Jamaaladeen Tacuma, bassista americano e storico collaboratore dell’icona del free jazz. (foto in evidenza di Manuel Palmieri)

 


The Telescopes al WoPa
The Telescopes sono ancora e sempre “alive&kicking” e lo dimostra l’uscita del nuovo album, “Exploding Head Syndrome”, che ha ricevuto già critiche di riguardo. Il gruppo dello Staffordshire avanza imperterrito nei territori space rock e shoegazing, talmente vasti da non conoscere confini. Domenica 10 marzo salgono sul palco del WoPa di Parma.

 


White Lies al Pala Estragon
Dopo aver girato il mondo, suonando nelle venue più importanti e aggiudicandosi un posto fisso nella line up dei migliori festival internazionali, sono pronti a tornare sul palco per stupire nuovamente il pubblico italiano i White Lies, la band indie rock inglese tra le più rappresentative del genere nel panorama musicale globale. Non perdete dunque l’occasione di ascoltarli dal vivo, lunedì 11 marzo al Pala Estragon, visto che i WL sprigionano adrenalina à go-go.

 


Failing to Levitate in My Studio

VIE festival, venti artisti per rappresentare la scena contemporanea internazionale
In Emilia e in Romagna prosegue fino al 10 marzo VIE festival, uno dei più importanti appuntamenti dedicati alla scena contemporanea internazionale, giunto quest’anno alla quattordicesima edizione. A Modena, Bologna, Carpi, Vignola, Cesena e Castelfranco Emilia in scena venti artisti da tutto il mondo, molti con spettacoli in prima nazionale. Tra gli spettacoli in programma nei prossimi giorni, il 7 e l’8 marzo al Teatro Fabbri di Vignola (MO) l’ultimo spettacolo dei BERLIN in prima nazionale, “True Copy”; in occasione del centenario della nascita di Primo Levi, Fanny & Alexander presenta la performance / reading itinerante “Se questo è Levi” a Carpi (9 e 10 marzo); uno spaccato della scena teatrale greca, in piena rinascita, con la prima nazionale di “Failing to Levitate in My Studio” (foto), il lavoro di Dimitris Kourtakis, che dirige Aris Servetalis, considerato uno degli attori più talentuosi nel panorama teatrale e cinematografico europeo (9 e 10 marzo al Teatro Storchi di Modena) e per la prima volta in Italia “Strange Tales”, uno spettacolo visionario e multimediale basato sui testi e le poesie di Edgar Allan Poe (9 e 10 marzo al Teatro delle Passioni di Modena). 

 


Atlas of Transitions

Al femminile e aperto alle comunità straniere, a Bologna Atlas of Transitions
Atlas è la prima vertebra della colonna vertebrale: sorregge il peso del cranio e ne permette la mobilità. Intelligenza e movimento… questa immagine perfetta deve avere ispirato i creatori “Atlas of Transitions”, il progetto di cooperazione europea promosso da Emilia Romagna Teatro Fondazione. Dopo il successo del 2018, la manifestazione porta a Bologna dal 1 al 10 marzo un programma di eventi – ricchissimo e inedito, al femminile e aperto a comunità straniere e “seconde generazioni” – dal titolo “Home”: qualcosa in cui sentirsi a proprio agio, da condividere e ricercare o da cui fuggire. In programma gli interventi di artiste-attiviste provenienti da Africa, America, Europa, Medio Oriente e teatro, musica, incontri, proiezioni, conferenze, workshop che coinvolgeranno tutta la città. Davvero… un mondo! (a.z.)

Toy e altre cose che succedono questo fine settimana #10


“Macbettu” di Alessandro Serra al Teatro Cavallerizza, Elio Germano al Teatro Asioli di Correggio, i Toy al Covo, Omar Souleyman al Circolo Magnolia, l’Officina del Battagliero al Teatro De André, Extraliscio ed Ermanno Cavazzoni inaugurano il programma dell’Altro Suono, The Telescopes al WoPa, le giornate conclusive di VIE festival e Atlas of Transitions. C’è questo e molto altro da fare tra il 5 e l’11 marzo 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


Macbettu

“Macbettu”, il pluripremiato spettacolo di Alessandro Serra a Reggio Emilia
Il Macbeth di Shakespeare recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. Lo spettacolo di Alessandro Serra, vincitore del premio Ubu 2017 come Spettacolo dell’anno e del Premio della Critica Teatrale conferito dall’Associazione Nazionale Critici di Teatro, andrà in scena al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia dal 6 al 9 marzo. “Macbettu” s’incunea in un crocevia: da un lato le intuizioni geniali del Macbeth di Shakespeare, dall’altra l’ispirazione del regista di fronte al Carnevale barbaricino. Della vicenda scespiriana si recupera l’universalità e la pienezza di sentimenti, millimetricamente in bilico sul punto di deflagrare.

 


“La mia battaglia”, la pièce scritta e interpretata da Elio Germano
Con “La mia battaglia” Elio Germano debutta nella scrittura realizzando una pièce provocatoria che suggerisce una lettura sociale dell’attualità, delle paure e dei sentimenti ostili che percorrono la società di oggi. Non lavora solo, ma con il grande apporto di Chiara Lagani, pluripremiata attrice e drammaturga, fondatrice della compagnia ravennate Fanny&Alexander. In scena giovedì 7 marzo all’Arena del Sole di Roccabianca (PR), dove i biglietti sono esauriti, e l’8 e il 9 marzo al Teatro Asioli di Correggio (RE).

 


Toy dal vivo al Covo con il nuovo album “Happy in the Hollow”
Venerdì 8 marzo al Covo di Bologna i Toy presentano il nuovo lavoro, “Happy in the Hollow”. Il quarto album della band britannica, primo per la nuova etichetta Tough Lough Records, pare il loro disco più diretto e propulsivo di sempre, pervaso da stati d’animo che toccano il post-punk, dissonanze elettroniche, acid-folk e kraut-rock.

 


Omar Souleyman al Magnolia
Omar Souleyman, nato nel villaggio di Tell Tamer, vicino alla città di Ra al-‘Ayn nella regione nord-orientale della Siria, inizia la sua carriera negli anni novanta come cantante ai matrimoni nella provincia di Hassaké, registrando centinaia di cassette dal vivo distribuite a livello locale. L’artista viene notato dal produttore e musicista californiano di origini irachene Mark Gergis, che nel 2006, con Omar già quarantenne, lancia l’artista e il suo genere musicale (una versione elettronica della dabka, musica tradizionale mediorientale) nell’agone sonoro occidentale. Venerdì 8 marzo al Circolo Magnolia di Segrate (MI).

 


Wild Nothing al Covo
A due anni da “Life in Pause”, ritorna il dream pop dei Wild Nothing con un nuovo album, “Indigo”. Il lavoro sembra segnare un ritorno alla freschezza e spontaneità dell’album di debutto del 2010, “Gemini”, e dall’altro invece raggiunge il culmine delle altezze toccate, delle strade percorse e delle lezioni apprese durante la creazione dei lavori seguenti, “Nocturne” e “Life of Pause”. Sabato 9 marzo dal vivo al Covo di Bologna. In apertura, Felpa.

 


“Alla Pattacini”, l’Officina del Battagliero al Teatro De André
Un omaggio musicale per ricordare i 110 anni della nascita e i 40 della morte di Tienno Pattaccini e per festeggiare gli 85 compleanni del Battagliero, il valzer più amato e ballato da tutti gli appassionati del genere. Sabato 9 marzo al Teatro De André di Casalgrande (RE) arriva l’Officina del Battagliero. Vai col liscio e dai d’é gas!

 


La chitarra classica di Frank Bungarten al MAST
Sabato 9 marzo Frank Bungarten è in concerto al MAST di Bologna. In programma musiche di John Dowland, Johann Sebastian Bach, Emilio Pujol e Joaquin Rodrigo. Bungarten è un chitarrista classico nato a Colonia (Germania) nel 1958. Nel 1981 ha ricevuto da Andrés Segovia il primo premio al Concorso di chitarra di Granada. Da allora si è esibito in oltre 40 paesi in tutto il mondo. Ha vinto due Echo Awards per la sua straordinaria versatilità stilistica nella chitarra classica e nel 2018 gli è stato assegnato il premio Opus Klassik come miglior strumentista dell’anno in Germania. Do you want more? Go to his concert then!

 


“La Merda” al Teatro del Cerchio
“La Merda” – in scena sabato 9 marzo al Teatro del Cerchio di Parma – si manifesta come la rivoltante confidenza pubblica di una “giovane” donna “brutta” che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà. È già stato detto, ma lo ripetiamo: straordinaria Silvia Gallerano.

 


L’Altro Suono al via con l’accoppiata Extraliscio / Ermanno Cavazzoni
L’edizione 2019 di L’Altro Suono prende il via al Teatro Comunale Pavarotti di Modena il 10 marzo con l’accoppiata clamorosa Extraliscio/Ermanno Cavazzoni; il 9 aprile sale sul palco il Portogallo eterno quanto personale di Teresa Salgueiro, ex cantante dei Madredeus; il 10 maggio vede protagonista la cornamusa elettronica dell’iberico Hevia; il 13 maggio spazio alla IV edizione del talent Rock all’Opera; presso la chiesa di San Barnaba, il 17 maggio, si esibisce l’Elements Trio. Infine, il 18 maggio, presso l’Auditorium Marco Biagi, omaggio a Ornette Coleman di Jamaaladeen Tacuma, bassista americano e storico collaboratore dell’icona del free jazz. (foto in evidenza di Manuel Palmieri)

 


The Telescopes al WoPa
The Telescopes sono ancora e sempre “alive&kicking” e lo dimostra l’uscita del nuovo album, “Exploding Head Syndrome”, che ha ricevuto già critiche di riguardo. Il gruppo dello Staffordshire avanza imperterrito nei territori space rock e shoegazing, talmente vasti da non conoscere confini. Domenica 10 marzo salgono sul palco del WoPa di Parma.

 


White Lies al Pala Estragon
Dopo aver girato il mondo, suonando nelle venue più importanti e aggiudicandosi un posto fisso nella line up dei migliori festival internazionali, sono pronti a tornare sul palco per stupire nuovamente il pubblico italiano i White Lies, la band indie rock inglese tra le più rappresentative del genere nel panorama musicale globale. Non perdete dunque l’occasione di ascoltarli dal vivo, lunedì 11 marzo al Pala Estragon, visto che i WL sprigionano adrenalina à go-go.

 


Failing to Levitate in My Studio

VIE festival, venti artisti per rappresentare la scena contemporanea internazionale
In Emilia e in Romagna prosegue fino al 10 marzo VIE festival, uno dei più importanti appuntamenti dedicati alla scena contemporanea internazionale, giunto quest’anno alla quattordicesima edizione. A Modena, Bologna, Carpi, Vignola, Cesena e Castelfranco Emilia in scena venti artisti da tutto il mondo, molti con spettacoli in prima nazionale. Tra gli spettacoli in programma nei prossimi giorni, il 7 e l’8 marzo al Teatro Fabbri di Vignola (MO) l’ultimo spettacolo dei BERLIN in prima nazionale, “True Copy”; in occasione del centenario della nascita di Primo Levi, Fanny & Alexander presenta la performance / reading itinerante “Se questo è Levi” a Carpi (9 e 10 marzo); uno spaccato della scena teatrale greca, in piena rinascita, con la prima nazionale di “Failing to Levitate in My Studio” (foto), il lavoro di Dimitris Kourtakis, che dirige Aris Servetalis, considerato uno degli attori più talentuosi nel panorama teatrale e cinematografico europeo (9 e 10 marzo al Teatro Storchi di Modena) e per la prima volta in Italia “Strange Tales”, uno spettacolo visionario e multimediale basato sui testi e le poesie di Edgar Allan Poe (9 e 10 marzo al Teatro delle Passioni di Modena). 

 


Atlas of Transitions

Al femminile e aperto alle comunità straniere, a Bologna Atlas of Transitions
Atlas è la prima vertebra della colonna vertebrale: sorregge il peso del cranio e ne permette la mobilità. Intelligenza e movimento… questa immagine perfetta deve avere ispirato i creatori “Atlas of Transitions”, il progetto di cooperazione europea promosso da Emilia Romagna Teatro Fondazione. Dopo il successo del 2018, la manifestazione porta a Bologna dal 1 al 10 marzo un programma di eventi – ricchissimo e inedito, al femminile e aperto a comunità straniere e “seconde generazioni” – dal titolo “Home”: qualcosa in cui sentirsi a proprio agio, da condividere e ricercare o da cui fuggire. In programma gli interventi di artiste-attiviste provenienti da Africa, America, Europa, Medio Oriente e teatro, musica, incontri, proiezioni, conferenze, workshop che coinvolgeranno tutta la città. Davvero… un mondo! (a.z.)

L’Altro Suono e altre cose che succedono questa settimana #10


“Macbettu” di Alessandro Serra al Teatro Cavallerizza, Toquinho al Bravo Caffè, Elio Germano all’Arena del Sole di Roccabianca e al Teatro Asioli di Correggio, i Toy al Covo, Omar Souleyman al Circolo Magnolia, l’Officina del Battagliero al Teatro De André, Extraliscio ed Ermanno Cavazzoni inaugurano il programma dell’Altro Suono, The Telescopes al WoPa, le giornate conclusive di VIE festival e Atlas of Transitions. C’è questo e molto altro da fare tra il 5 e l’11 marzo 2019 in Emilia e dintorni. Ecco quello da non perdere, secondo noi.

 


Macbettu

“Macbettu”, il pluripremiato spettacolo di Alessandro Serra a Reggio Emilia
Il Macbeth di Shakespeare recitato in sardo e, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. Lo spettacolo di Alessandro Serra, vincitore del premio Ubu 2017 come Spettacolo dell’anno e del Premio della Critica Teatrale conferito dall’Associazione Nazionale Critici di Teatro, andrà in scena al Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia dal 6 al 9 marzo. “Macbettu” s’incunea in un crocevia: da un lato le intuizioni geniali del Macbeth di Shakespeare, dall’altra l’ispirazione del regista di fronte al Carnevale barbaricino. Della vicenda scespiriana si recupera l’universalità e la pienezza di sentimenti, millimetricamente in bilico sul punto di deflagrare.

 


toquinho

Toquinho, un mito al Bravo Caffè
Data memorabile, questa di giovedì 7 marzo al Bravo Caffè di Bologna, con l’arrivo del grande Toquinho, chitarrista brasiliano di samba e bossa nova, nato nel ’46 a San Paolo, come milioni di quegli abitanti, di origine italiana. Ed in Italia trovò rifugio, durante la dittatura militare negli anni ’70, facendone una seconda patria e creando memorabili musiche con Sergio Endrigo e Ornella Vanoni, per non parlare della sua avventura musicale con l’immenso Vinicius de Moraes. Insomma, un mito.

 


Filarmonica della Scala – Direttore Riccardo Chailly

La Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Chailly al Comunale di Modena
Giovedì 7 marzo serata d’eccezione al Teatro Comunale Pavarotti di Modena, dove la Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Chailly esegue un doppio Gustav Mahler, con il Preludio Sinfonico 1876 e la Sinfonia n. 5 in do diesis minore, quest’ultima vero e proprio gigantesco affresco, non solo musicale, ma anche filosofico e spirituale.
La Quinta Sinfonia è la più conosciuta di Mahler e un punto di riferimento dell’intero repertorio sinfonico. Celeberrimo il suo tempo lento, commovente Adagetto per soli archi e arpa, la cui fama è stata amplificata nel corso di oltre un secolo attraverso cinema e televisione (non da ultimo in Morte a Venezia, la pellicola di Luchino Visconti ispirata alla figura del compositore).

 


“La mia battaglia”, la pièce scritta e interpretata da Elio Germano
Con “La mia battaglia” Elio Germano debutta nella scrittura realizzando una pièce provocatoria che suggerisce una lettura sociale dell’attualità, delle paure e dei sentimenti ostili che percorrono la società di oggi. Non lavora solo, ma con il grande apporto di Chiara Lagani, pluripremiata attrice e drammaturga, fondatrice della compagnia ravennate Fanny&Alexander. In scena giovedì 7 marzo all’Arena del Sole di Roccabianca (PR), dove i biglietti sono esauriti, e l’8 e il 9 marzo al Teatro Asioli di Correggio (RE).

 


Toy dal vivo al Covo con il nuovo album “Happy in the Hollow”
Venerdì 8 marzo al Covo di Bologna i Toy presentano il nuovo album, “Happy in the Hollow”. Il quarto album della band britannica, primo per la nuova etichetta Tough Lough Records, pare il loro disco più diretto e propulsivo di sempre, pervaso da stati d’animo che toccano il post-punk, dissonanze elettroniche, acid-folk e kraut-rock.

 


Omar Souleyman al Magnolia
Omar Souleyman, nato nel villaggio di Tell Tamer, vicino alla città di Ra al-‘Ayn nella regione nord-orientale della Siria, inizia la sua carriera negli anni novanta come cantante ai matrimoni nella provincia di Hassaké, registrando centinaia di cassette dal vivo distribuite a livello locale. L’artista viene notato dal produttore e musicista californiano di origini irachene Mark Gergis, che nel 2006, con Omar già quarantenne, lancia l’artista e il suo genere musicale (una versione elettronica della dabka, musica tradizionale mediorientale) nell’agone sonoro occidentale. Venerdì 8 marzo al Circolo Magnolia di Segrate (MI).

 


Wild Nothing al Covo
A due anni da “Life in Pause”, ritorna il dream pop dei Wild Nothing con un nuovo album, “Indigo”. Il lavoro sembra segnare un ritorno alla freschezza e spontaneità dell’album di debutto del 2010, “Gemini”, e dall’altro invece raggiunge il culmine delle altezze toccate, delle strade percorse e delle lezioni apprese durante la creazione dei lavori seguenti, “Nocturne” e “Life of Pause”. Sabato 9 marzo dal vivo al Covo di Bologna. In apertura, Felpa.

 


“Alla Pattacini”, l’Officina del Battagliero al Teatro De André
Un omaggio musicale per ricordare i 110 anni della nascita e i 40 della morte di Tienno Pattaccini e per festeggiare gli 85 compleanni del Battagliero, il valzer più amato e ballato da tutti gli appassionati del genere. Sabato 9 marzo al Teatro De André di Casalgrande (RE) arriva l’Officina del Battagliero. Vai col liscio e dai d’é gas!

 


La chitarra classica di Frank Bungarten al MAST
Sabato 9 marzo Frank Bungarten è in concerto al MAST di Bologna. In programma musiche di John Dowland, Johann Sebastian Bach, Emilio Pujol e Joaquin Rodrigo. Bungarten è un chitarrista classico nato a Colonia (Germania) nel 1958. Nel 1981 ha ricevuto da Andrés Segovia il primo premio al Concorso di chitarra di Granada. Da allora si è esibito in oltre 40 paesi in tutto il mondo. Ha vinto due Echo Awards per la sua straordinaria versatilità stilistica nella chitarra classica e nel 2018 gli è stato assegnato il premio Opus Klassik come miglior strumentista dell’anno in Germania. Do you want more? Go to his concert then!

 


“La Merda” al Teatro del Cerchio
“La Merda” – in scena sabato 9 marzo al Teatro del Cerchio di Parma – si manifesta come la rivoltante confidenza pubblica di una “giovane” donna “brutta” che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà. È già stato detto, ma lo ripetiamo: straordinaria Silvia Gallerano.

 


L’Altro Suono al via con l’accoppiata Extraliscio / Ermanno Cavazzoni
L’edizione 2019 di L’Altro Suono prende il via al Teatro Comunale Pavarotti di Modena il 10 marzo con l’accoppiata clamorosa Extraliscio/Ermanno Cavazzoni; il 9 aprile sale sul palco il Portogallo eterno quanto personale di Teresa Salgueiro, ex cantante dei Madredeus; il 10 maggio vede protagonista la cornamusa elettronica dell’iberico Hevia; il 13 maggio spazio alla IV edizione del talent Rock all’Opera; presso la chiesa di San Barnaba, il 17 maggio, si esibisce l’Elements Trio. Infine, il 18 maggio, presso l’Auditorium Marco Biagi, omaggio a Ornette Coleman di Jamaaladeen Tacuma, bassista americano e storico collaboratore dell’icona del free jazz. (foto in evidenza di Manuel Palmieri)

 


The Telescopes al WoPa
The Telescopes sono ancora e sempre “alive&kicking” e lo dimostra l’uscita del nuovo album, “Exploding Head Syndrome”, che ha ricevuto già critiche di riguardo. Il gruppo dello Staffordshire avanza imperterrito nei territori space rock e shoegazing, talmente vasti da non conoscere confini. Domenica 10 marzo salgono sul palco del WoPa di Parma.

 


White Lies al Pala Estragon
Dopo aver girato il mondo, suonando nelle venue più importanti e aggiudicandosi un posto fisso nella line up dei migliori festival internazionali, sono pronti a tornare sul palco per stupire nuovamente il pubblico italiano i White Lies, la band indie rock inglese tra le più rappresentative del genere nel panorama musicale globale. Non perdete dunque l’occasione di ascoltarli dal vivo, lunedì 11 marzo al Pala Estragon, visto che i WL sprigionano adrenalina à go-go.

 


Casa Calabaza

VIE festival, venti artisti per rappresentare la scena contemporanea internazionale
In Emilia e in Romagna prosegue fino al 10 marzo VIE festival, uno dei più importanti appuntamenti dedicati alla scena contemporanea internazionale, giunto quest’anno alla quattordicesima edizione. A Modena, Bologna, Carpi, Vignola, Cesena e Castelfranco Emilia in scena venti artisti da tutto il mondo, molti con spettacoli in prima nazionale. Tra gli spettacoli in programma nei prossimi giorni, giovedì 7 marzo al Teatro delle Passioni di Modena “Casa Calabaza” del collettivo messicano El Arce; il 7 e l’8 marzo al Teatro Fabbri di Vignola (MO) l’ultimo spettacolo dei BERLIN in prima nazionale, “True Copy”; in occasione del centenario della nascita di Primo Levi, Fanny & Alexander presenta la performance / reading itinerante “Se questo è Levi” a Carpi (9 e 10 marzo); uno spaccato della scena teatrale greca, in piena rinascita, con la prima nazionale di “Failing to Levitate in My Studio”, il lavoro di Dimitris Kourtakis, che dirige Aris Servetalis, considerato uno degli attori più talentuosi nel panorama teatrale e cinematografico europeo (9 e 10 marzo al Teatro Storchi di Modena) e per la prima volta in Italia “Strange Tales”, uno spettacolo visionario e multimediale basato sui testi e le poesie di Edgar Allan Poe (9 e 10 marzo al Teatro delle Passioni di Modena). 

 


Atlas of Transitions

Al femminile e aperto alle comunità straniere, a Bologna Atlas of Transitions
Atlas è la prima vertebra della colonna vertebrale: sorregge il peso del cranio e ne permette la mobilità. Intelligenza e movimento… questa immagine perfetta deve avere ispirato i creatori “Atlas of Transitions”, il progetto di cooperazione europea promosso da Emilia Romagna Teatro Fondazione. Dopo il successo del 2018, la manifestazione porta a Bologna dal 1 al 10 marzo un programma di eventi – ricchissimo e inedito, al femminile e aperto a comunità straniere e “seconde generazioni” – dal titolo “Home”: qualcosa in cui sentirsi a proprio agio, da condividere e ricercare o da cui fuggire. In programma gli interventi di artiste-attiviste provenienti da Africa, America, Europa, Medio Oriente e teatro, musica, incontri, proiezioni, conferenze, workshop che coinvolgeranno tutta la città. Davvero… un mondo! (a.z.)