“Cross Vol. 1”, a Reggio torna la “tradizione del nuovo”

Musicisti, scrittori, poeti, fotografi, attori, dj, artisti visivi e multimediali. Sono più di 30 i protagonisti di Cross Vol. 1, l’evento in programma ai Chiostri di San Domenico a Reggio Emilia venerdì 7 dicembre dalle 18 alle 2 di notte.

L’incrocio sarà tra racconti, poesie, musiche, immagini e visioni che hanno dato vita alla Reggio Emilia contemporanea. «Sarà un incontro tra artisti che cercano la propria strada e artisti da lungo tempo in cammino», si legge nella presentazione dell’evento, per riaccendere «l’identità culturale più forte della città di Reggio Emilia: quella della “tradizione del nuovo“, cioè della ricerca e della sperimentazione».

Massimo Zamboni e Angela Baraldi

A cura di Off-Set e dell’Istituto Musicale “Peri”, con la direzione artistica del Collettivo 7 dicembre e in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia, Cross Vol. 1 ospita Massimo Zamboni, sul palco con la cantante Angela Baraldi (foto); Giuseppe Caliceti, poeta e romanziere (foto); Max Collini, scrittore e performer (Offlaga Disco Pax, Spartiti); Olivier Manchion, fondatore degli Ulan Bator

giuseppe caliceti

Nel programma anche Stefano Raspini, uno dei più potenti lettori di poesia italiani che avrà come ospite speciale la poetessa Rosaria Lo Russo, e lo scrittore Pier Francesco Grasselli. Tornando alla musica, ecco Luca Giovanardi e Andrea Scarfone dei Julie’s Haircut, Lorenzo Lanzi dei Giardini di Mirò e Tiziano Bianchi dei Portfolio; il rock di Fausto Comunale e Alberto “Beto” Carrà e il jazz di Renata Tosi e Andrea Papini.

pietro anceschi

In mostra ci saranno i progetti dei fotografi Marco Montanari e Marcello Grassi e degli artisti visivi Lorenzo Criscuoli e Pietro Anceschi (foto). La Compagnia Pietribiasi Tedeschi presenta “Bif”, performance su Corrado Costa con le fotografie di Toni Contiero. In programma Gianfranco Parmiggiani con un video storico culturale ed Elsoyame, performance multimediale di Alì Beidoun (visual artist), Maurizio Crotti Fornaciari (voce e sax), Massimiliano Arriosti (contrabbasso) e Daniele Giuseppe Torresan “Diditix” (live electronics, chitarra elettrica, composer); il collettivo Kom Fut Manifesto/Maffia, tra i più importanti della musica elettronica anni Novanta in Europa. Scenografie e luci sono a cura di Cristian Scarola.

Pronti? Ecco il programma completo con gli orari degli spettacoli. L’ingresso è gratuito.

Notte di Luce e altre cose che succedono sabato 1 dicembre

banda rulli frulli

È la Notte di Luce, questa di sabato 1 dicembre nel centro storico di Reggio Emilia. In occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità Reggio cambia aspetto: illuminata solo da candele, svela una città intima ed inaspettata per raccontare simbolicamente la differenza. Tra gli appuntamenti, alle 18 in piazza Prampolini il concerto della Banda Rulli Frulli con Cristina Donà e Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione.


 
 

È uscito il nuovo numero di TIPO, l’85

È uscito TIPO 85.
Parliamo di Afghanistan, Any Other, Charlotte Gainsbourg, Notte di Luce, Passatelli in Bronson, Dall’Espressionismo alla Nuova Oggettività e di altri 300 eventi tra il 23 novembre 2018 e il 6 gennaio 2019 nella metropoli Emilia.

Trovate TIPO 85 nel mondo reale a Reggio Emilia, Parma e Modena ma potete anche sfogliarlo qui:

Oppure scaricarlo in pdf
https://bit.ly/2OTSHHv

Club To Club Festival e altre cose che succedono giovedì 1 novembre

Club to Club Festival

Da giovedì 1 novembre fino a tutta domenica 4 novembre scatta a Torino il Club to Club Festival. Il festival sabaudo, arrivato quest’anno alla diciottesima edizione, è senza dubbio tra i più importanti a livello internazionale nell’ambito della musica elettronica, avant-garde e pop. Qualche nome estratto dalla line up? Aphex Twin, Beach House, Blood Orange, Jamie xx, Call Super, Equiknoxx, David August, Vessel. Non male, vero??


 
 

Luca Bragalini e altre cose che succedono domenica 21 ottobre

luca bragalini

Domenica 21 ottobre ritorna Finalmente Domenica, l’appuntamento con scrittori, filosofi e musicisti al Ridotto del Teatro Municipale Valli di Reggio Emilia. Alle 11 Luca Bragalini presenta “Ellington’s Three Black Kings: nella storia afroamericana con tre re e un duca”, un’accattivante narrazione tratta dall’ultima monografia di Luca Bragalini “Dalla Scala a Harlem. I sogni sinfonici di Duke Ellington” (EDT, 2018). Dalla pagina scritta si leverà uno storytelling con rari video, musiche inedite, immagini e parole, che racconterà una delle più neglette e affascinanti opere del Duca mettendo in luce il rapporto di quest’ultimo con il Reverendo King.


 
 

After, futuri digitali e altre cose che succedono venerdì 19 ottobre

After, futuri digitali

Dal 19 al 21 ottobre a Reggio Emilia arriva AftER, futuri digitali. Tre giorni dedicati ai temi delle trasformazioni dell’era digitale con 80 appuntamenti tra workshop, conferenze, eventi, spettacoli teatrali ai Chiostri di San Domenico, Palazzo da Mosto e Spazio U30Cinque.
Tra gli appuntamenti di After, l’incontro con Federico Taddia ed Elasti, alias Claudia de Lillo, sul rapporto tra adolescenti, genitori e tecnologia, lo spettacolo teatrale della Compagnia MaMiMo “Copernico non ci credeva”, il dialogo tra Salvatore Aranzulla e il sindaco di Reggio Emilia, la lectio magistralis “Il Nuovo io. La ricerca dell’identità nell’epoca dei social network” di Umberto Galimberti. E poi, una vasta area espositiva dedicata alle Demo di ultima generazione, un hackathon per arricchire la piattaforma “iGruppi” in uso nei Gruppi di Acquisto Solidale, il “Cruciverba digitale” con Stefano Bartezzaghi e Alessio Viola, la mostra MAPS 1:610 a Palazzo da Mosto di Jorge R. Pombo e Saul Daniele Ardillo che indaga le connessioni tra tecnologia, danza e pittura e Outline Eleva, musica elettronica, visual arts performance e formazione allo Spazio U30cinque.


 
 

Festival Aperto 2018

di Alberto Zanetti

Cos’è un passaggio? Un viaggio (magari col pollice alzato), una colonna d’Ercole, un punto di svolta – a volte illusorio, a volte no – un tempo di mezzo, un cambio di ruolo e, naturalmente, “il gol più bello” secondo Eric Cantona. Declinato al plurale, è il nome della nuova edizione di un festival che dal 2008 mette insieme musica, teatro, danza, sperimentazione, memoria, avanguardia, cortocircuiti temporali, percorsi inediti, luoghi della città, venerati maestri, produzioni originali, Italia e resto del mondo. Il passaggio è anche una porta da aprire. Non sapete cosa c’è al di là. Ma indietro non si torna. E allora… non resta che mettere la mano su una delle maniglie…

#1.
Z
Il leggendario Zorro siglava le sue imprese con l’iconica iniziale. Qualche tempo dopo un altro figlio della California, Frank Vincent Zappa, avrebbe replicato il gesto marchiando tutti i pianeti dello scibile musicale novecentesco. Il 12 ottobre al Teatro Valli, a 25 anni dalla scomparsa torna in scena “The Yellow Shark”, l’ultimo album pubblicato, con Peter Rundel, il direttore d’orchestra della prima del 1993. Alla faccia di tutti i sergenti Garcia.


#2.
Gidio!
Simo noi, simo sempre noi. Antonio Rezza e Flavia Mastrella (al Teatro Cavallerizza con “Fratto_X”, il 9 novembre) quest’anno hanno vinto il Leone d’Oro alla Carriera, ma sono ancora i campioni di una Cosa (teatro? cinema? arte visiva? televisione?) crudele, atletica, blasfema, grottesca, terribilmente, colpevolmente, lucidamente comica. Mentre ridete, però, guardatevi le spalle…


#3.
Napul’è
…mille culure, mille paure, nu sole amaro, na carta sporca e nisciuno se ne importa… La città di Pino Daniele era anche quella, tra fine ‘70 e inizio ‘80, di Mario Martone e di una compagnia rivoluzionaria, Falso Movimento. “Tango Glaciale”, che nasceva in questo magma creativo ed esistenziale restituendone un’immagine mai vista, si materializza in questo nostro 2018 (al Teatro Cavallerizza, dal 15 al 18 novembre). A volte, per fortuna, ritornano.

Tango Glaciale


#4.
Il sogno di una cosa
I fantasmi sono di due tipi: quelli che si aggirano per l’Europa e quelli che tornano a visitare i vivi nel corso di notti insonni. L’esperimento profano sovietico è stato l’uno ed è l’altro. Gidon Kremer, il più grande violinista vivente, lo affronta in un’unica serata con la partitura scritta per lui da Luigi Nono, i preludi di Mojsej Vajnberg e le foto di Antanas Sutkus (al Teatro Valli il 22 settembre). Bella Storia.

gidon kremer


#5.
Dio esiste e vive a…
«La morte è un po’ fredda e vi ritrovate a pensare che avreste dovuto portarvi un maglione»: questo il sardonico messaggio che Jaco van Dormael rivolge allo spettatore di “Cold Blood” (al Teatro Cavallerizza dal 27 al 29 ottobre), un esperimento che mette in scena sette piccole storie fatte con le dita della mano e poi proiettate sullo schermo. Non ci aspettavamo niente di meno dall’eccentrico autore di “Toto le héros”. Bien fait!


#6.
Dont’ stop me now!
…il big bang inaugurale con Rava e Bollani (al Teatro Valli il 15 settembre), la produzione originale “O’Supersong” (al Teatro Cavallerizza il 2 novembre), la danza tra hip-hop e arti marziali di Wang-Ramirez (al Teatro Ariosto il 29 settembre e al Teatro Cavallerizza il 4 novembre, foto), il Rebel Quintet di Giovanni Guidi (al Teatro Ariosto il 6 ottobre), la serata Bach di Aterballetto (al Teatro Valli il 19 ottobre), un circo mai visto con Claudio Stellato (alla Fonderia il 4 e 5 ottobre) e… (continua)

Compagnie Wang Ramirez


Festival Aperto. Passaggi. Rivoluzioni – Canzoni
dal 15 settembre al 8 dicembre 2018
Reggio Emilia, Teatro Valli, Teatro Ariosto, Teatro Cavallerizza, Fonderia Aterballetto
Info: www.iteatri.re.it


 

(14 settembre 2018)

Foto principale: Adrian Paci, Centro di permanenza temporanea, 2007
Foto di Gidon Kremer: Angie Kremer

Matteo Bordone e altre cose che succedono giovedì 11 ottobre

Matteo Bordone

Secondo appuntamento con Autori in prestito, la rassegna a cura di Paolo Nori nelle biblioteche della provincia di Reggio Emilia. Giovedì 11 ottobre alle 21 alla Biblioteca Salvemini di Scandiano arriva Matteo Bordone, per raccontare i libri, la musica e i film della sua vita. 
Giornalista, conduttore radiofonico e blogger, Matteo Bordone si occupa di cultura popolare, musica, film, videogiochi e tecnologia. Tra le altre cose, ha condotto per sette stagioni Dispenser su Radio 2 e successivamente Condor, sempre per Radio 2, con Luca Sofri. Scrive per Rolling Stone, Wired e Il Post. Dal 2013 è conduttore di Ante Factor e Xtra Factor e del programma musicale Mu su Radio 2. 


 
 

“Parola ai musicisti” e altre cose che succedono lunedì 8 ottobre

GIORGIENESS

Nell’ambito di EnERgie Diffuse · Settimana della Cultura, a Reggio Emilia proseguono gli appuntamenti di Fattore Creativo Under 35. Lunedì 8 ottobre alle 19 ai Chiostri di San Domenico Giorgieness (foto) e Alessandro Fiori sono gli ospiti di Parola ai musicisti – come le canzoni prendono forma, a cura di Youthless.
Come scelgono le parole i musicisti prima che una canzone diventi tale? E questo linguaggio come diventa forma d’arte e parte integrante dell’arrangiamento musicale? Se ne parla con Francesco Locane, giornalista e speaker radiofonico, in dialogo con Giorgieness e Alessandro Fiori.

(foto di Chiara Mirelli)


Effetto Polvere e altre cose che succedono domenica 7 ottobre

Effetto Polvere

In occasione della settimana della cultura in Emilia-Romagna, prende il via Effetto Polvere. Due luoghi d’Appennino e un quartiere urbano verranno attraversati da camminate esperienziali, installazioni e laboratori per indagare e riscoprire il legame tra il proprio corpo e lo spazio circostante. Si inizia domenica 7 ottobre alle 9.30 con “Tracce d’Appennino – Camminate esperienziali fra performance e letture”, in partenza da Castelnovo ne’ Monti (RE) e Corchia (PR), per chiudere il 14 ottobre con “Tracce di Quartiere” a Reggio Emilia.