Cosa succede questa settimana?

juri the cosmonaut

fino al 6 gennaio

Tutti Matti sotto Zero, circo contemporaneo al Parco della Cittadella di Parma
Al Parco della Cittadella di Parma prosegue fino al 6 gennaio 2019 la quinta edizione di Tutti Matti sotto Zero, rassegna di circo contemporaneo sotto il tendone, realizzata da Teatro Necessario in collaborazione con Assessorato alla Cultura del Comune di Parma.
Un grande circo senza nome, pieno di musica e volteggi, uno minuscolo, forse il più piccolo del mondo, uno a forma di igloo, o piuttosto di navicella spaziale: Le Cirque Sans Noms, Zampanos e Juri The Cosmonaut invitano a entrare nei loro bizzarri universi, dove incontrare clown, astronauti, acrobati, giocolieri, musicisti e molte altre creature straordinarie.

Cirque Sans Noms


martedì 1 gennaio

Galactica NYE Festival a Bologna
Al Link di Bologna il Galactica NYE Festival non si ferma alle prime luci del 2019! Dalle 8.30 di martedì 1 gennaio l’esperienza techno-dub prosegue per altre 10 ore di viaggio sonico. La prima giornata dell’anno, con una line-up in grado di soddisfare palati fini: techno concettuale, più vicina allo spirito, e tanta voglia di proseguire ed essere avvolti ancora dalla festa. Ecco i Movimentatori di Capodanno: Dasha Rush, Sigha, Mattia Trani, Ancient Methods, V111. Unz unz unz!!!



venerdì 4 gennaio

I Seveso Casino Palace al Locomotiv per una serata benefica
Venerdì 4 gennaio, la prima del 2019 al Locomotiv di Bologna è una serata a scopo benefico a favore della AID (Associazione Italiani Disabili), a cui andrà devoluto l’incasso. Sul palco i Seveso Casino Palace, giovane band che si è imposta all’attenzione del grande pubblico con il loro rock diretto e senza fronzoli, partecipando all’edizione 2018 di X-Factor, nella categoria band capitanata da Lodo Guenzi, frontman dello Stato Sociale.


sabato 5 gennaio

Generic Animal al Mu di Parma
Dopo un apprezzato esordio, con la collaborazione ai testi di Jacopo Lietti (Fine Before You Came) e la produzione di Marco Giudici e Adele Nigro (Any Other), a distanza di pochi mesi è uscito il secondo album di Generic Animal, il progetto pop / hip hop di Luca Galizia, che per il nuovo lavoro ha scritto sia musiche che testi. Sabato 5 gennaio sul palco del Mu, a Parma.



domenica 6 gennaio

Wes Billie, contemporary jazz al Blu J di Reggio Emilia
Per gli swing fan (and dancer), ecco una serata che fa per loro, al Blu J di Reggio Emilia. Sabato 6 gennaio sul palco troviamo i Wes Billie, contemporary jazz trio, formato da Elena Rovesti (voce), Stefano Boggi (chitarra) e Mattia Dallospedale (contrabbasso). Il progetto nasce dall’incontro di musicisti con esperienze e percorsi musicali differenti, accomunati dalla pasione per il jazz in genere, che spazia nel mondo dello swing, della bossanova e del blues.

Festival Aperto 2018

di Alberto Zanetti

Cos’è un passaggio? Un viaggio (magari col pollice alzato), una colonna d’Ercole, un punto di svolta – a volte illusorio, a volte no – un tempo di mezzo, un cambio di ruolo e, naturalmente, “il gol più bello” secondo Eric Cantona. Declinato al plurale, è il nome della nuova edizione di un festival che dal 2008 mette insieme musica, teatro, danza, sperimentazione, memoria, avanguardia, cortocircuiti temporali, percorsi inediti, luoghi della città, venerati maestri, produzioni originali, Italia e resto del mondo. Il passaggio è anche una porta da aprire. Non sapete cosa c’è al di là. Ma indietro non si torna. E allora… non resta che mettere la mano su una delle maniglie…

#1.
Z
Il leggendario Zorro siglava le sue imprese con l’iconica iniziale. Qualche tempo dopo un altro figlio della California, Frank Vincent Zappa, avrebbe replicato il gesto marchiando tutti i pianeti dello scibile musicale novecentesco. Il 12 ottobre al Teatro Valli, a 25 anni dalla scomparsa torna in scena “The Yellow Shark”, l’ultimo album pubblicato, con Peter Rundel, il direttore d’orchestra della prima del 1993. Alla faccia di tutti i sergenti Garcia.


#2.
Gidio!
Simo noi, simo sempre noi. Antonio Rezza e Flavia Mastrella (al Teatro Cavallerizza con “Fratto_X”, il 9 novembre) quest’anno hanno vinto il Leone d’Oro alla Carriera, ma sono ancora i campioni di una Cosa (teatro? cinema? arte visiva? televisione?) crudele, atletica, blasfema, grottesca, terribilmente, colpevolmente, lucidamente comica. Mentre ridete, però, guardatevi le spalle…


#3.
Napul’è
…mille culure, mille paure, nu sole amaro, na carta sporca e nisciuno se ne importa… La città di Pino Daniele era anche quella, tra fine ‘70 e inizio ‘80, di Mario Martone e di una compagnia rivoluzionaria, Falso Movimento. “Tango Glaciale”, che nasceva in questo magma creativo ed esistenziale restituendone un’immagine mai vista, si materializza in questo nostro 2018 (al Teatro Cavallerizza, dal 15 al 18 novembre). A volte, per fortuna, ritornano.

Tango Glaciale


#4.
Il sogno di una cosa
I fantasmi sono di due tipi: quelli che si aggirano per l’Europa e quelli che tornano a visitare i vivi nel corso di notti insonni. L’esperimento profano sovietico è stato l’uno ed è l’altro. Gidon Kremer, il più grande violinista vivente, lo affronta in un’unica serata con la partitura scritta per lui da Luigi Nono, i preludi di Mojsej Vajnberg e le foto di Antanas Sutkus (al Teatro Valli il 22 settembre). Bella Storia.

gidon kremer


#5.
Dio esiste e vive a…
«La morte è un po’ fredda e vi ritrovate a pensare che avreste dovuto portarvi un maglione»: questo il sardonico messaggio che Jaco van Dormael rivolge allo spettatore di “Cold Blood” (al Teatro Cavallerizza dal 27 al 29 ottobre), un esperimento che mette in scena sette piccole storie fatte con le dita della mano e poi proiettate sullo schermo. Non ci aspettavamo niente di meno dall’eccentrico autore di “Toto le héros”. Bien fait!


#6.
Dont’ stop me now!
…il big bang inaugurale con Rava e Bollani (al Teatro Valli il 15 settembre), la produzione originale “O’Supersong” (al Teatro Cavallerizza il 2 novembre), la danza tra hip-hop e arti marziali di Wang-Ramirez (al Teatro Ariosto il 29 settembre e al Teatro Cavallerizza il 4 novembre, foto), il Rebel Quintet di Giovanni Guidi (al Teatro Ariosto il 6 ottobre), la serata Bach di Aterballetto (al Teatro Valli il 19 ottobre), un circo mai visto con Claudio Stellato (alla Fonderia il 4 e 5 ottobre) e… (continua)

Compagnie Wang Ramirez


Festival Aperto. Passaggi. Rivoluzioni – Canzoni
dal 15 settembre al 8 dicembre 2018
Reggio Emilia, Teatro Valli, Teatro Ariosto, Teatro Cavallerizza, Fonderia Aterballetto
Info: www.iteatri.re.it


 

(14 settembre 2018)

Foto principale: Adrian Paci, Centro di permanenza temporanea, 2007
Foto di Gidon Kremer: Angie Kremer

Dinamico Festival e altre cose che succedono giovedì 6 settembre

Dinamico Festival

Torna a Reggio Emilia il Dinamico, il festival internazionale dedicato a circo contemporaneo, arte di strada e teatro giunto quest’anno all’ottava edizione. Dal 6 al 9 settembre al Parco del Popolo (e dintorni) in programma 60 spettacoli, tra cui 2 anteprime assolute, concerti e laboratori.
Quest’anno il festival non sarà solo ai Giardini Pubblici ma proporrà una nuova tenda in Piazza della Vittoria e una prima assoluta nella cornice del Teatro Cavallerizza, grazie alla collaborazione con la Fondazione I Teatri viene proposto al pubblico uno spettacolo di circo contemporaneo all’interno di un contesto “classico”.
Come gli scorsi anni ci saranno diverse proposte Made in Italy ad affiancare una ricchissima varietà di spettacoli di nazionalità belga. Quest’anno infatti il festival reggiano è stato scelto dal prestigioso progetto Bruxelles en Piste per portare in Italia il meglio del circo contemporaneo belga. Fil rouge dell’edizione 2018 è quello di raccontare la diversità con il linguaggio artistico del circo contemporaneo.